Home Prodotti Mobile Android 11: miglioramenti per chat, privacy e dispositivi smart

Android 11: miglioramenti per chat, privacy e dispositivi smart

Dopo il periodo beta e le anteprime, è ora ufficialmente arrivato Android 11, l’ultima versione del sistema operativo mobile di Google.

La nuova versione, sottolinea Big G, è stata progettata per semplificare la gestione di alcuni aspetti importanti dell’utilizzo quotidiano dello smartphone, come le conversazioni, l’interazione con i dispositivi connessi, la privacy e molto altro ancora.

In Android 11, le conversazioni nelle app di messaggistica vengono spostate in uno spazio dedicato nella sezione delle notifiche, semplificandone la gestione che avrà luogo in un unico punto. Sarà anche possibile dare la priorità alle conversazioni delle persone a noi più vicine, in modo da non perdere mai un messaggio importante.

Sempre in tema di conversazioni, le Bubbles semplificano il multitasking, offrendo la possibilità di rispondere a conversazioni importanti senza dover passare avanti e indietro tra l’app che stiamo usando e quella di messaggistica.

È poi finalmente arrivata in Android 11 la registrazione dello schermo integrata: sarà possibile catturare e condividere ciò che appare sul display dello smartphone e registrare con l’audio del microfono, del dispositivo o di entrambi, senza la necessità di ricorrere ad app aggiuntive.

Anche il controllo dei device è stato semplificato: sarà infatti possibile accedere ai propri dispositivi smart in un unico posto, semplicemente premendo a lungo il pulsante di accensione. Per controllare i dispositivi connessi non sarà quindi più necessario aprire app multiple.

In Android 11 anche i controlli multimediali sono stati riprogettati: è ora possibile cambiare rapidamente il dispositivo su cui riproduciamo i file multimediali, ad esempio per spostare la riproduzione di musica dalle cuffie all’altoparlante.

Ancora: Android Auto ora funziona in modalità wireless per tutti i telefoni con Android 11, purché si disponga di un veicolo compatibile.

Un tema chiave, al giorno d’oggi, è la privacy, e anche in questa direzione ci sono novità in Android 11. Le autorizzazioni una tantum consentiranno di concedere l’accesso monouso ai permessi più sensibili: microfono, fotocamera e posizione. La volta successiva che l’app avrà bisogno di accedere ai sensori, dovrà chiedere nuovamente l’autorizzazione all’utente.

Inoltre, Android ora eseguirà il “ripristino automatico” delle autorizzazioni per le app inutilizzate da un po’ di tempo e informerà di conseguenza l’utente, che potrà decidere di concedere nuovamente le i permessi.

Android 11

Con i moduli di aggiornamento del sistema di Google Play aggiuntivi, è ora possibile per Google inviare ancora più correzioni di sicurezza e privacy agli smartphone, nello stesso modo in cui si aggiornano le app. In tal modo gli utenti potranno ricevere queste correzioni non appena saranno disponibili, senza dover attendere un aggiornamento completo del sistema operativo.

Per gli utenti di Android Enterprise, Android 11 offre la protezione della privacy che si ottiene su un dispositivo personale, sul device di proprietà dell’azienda. Il profilo di lavoro fornisce al reparto It gli strumenti per gestire un dispositivo senza monitorare i dati del profilo personale o l’attività sul telefono.

Gli utenti che utilizzano un Pixel 2 o versioni successive avranno poi a disposizione funzionalità aggiuntive per organizzare e gestire il telefono, come suggerimenti di app sulla schermata iniziale in base alle routine quotidiane e nuove azioni overview che consentono di acquisire uno screenshot di un’app e selezionare testo e immagini, e altro ancora.

La distribuzione di Android 11 inizierà su alcuni modelli di smartphone Pixel, OnePlus, Xiaomi, Oppo e Realme, con altri in arrivo nei prossimi mesi.

Ulteriori informazioni sull’ultima release di Android 11 sono disponibili sulle pagine del robottino verde.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php