Home Prodotti Networking e TLC Analisi di qualità delle reti radiomobili, CommProve lancia Diva

Analisi di qualità delle reti radiomobili, CommProve lancia Diva

In vista dell’implementazione delle reti 5G, CommProve, specializzata in sistemi per l’analisi della qualità delle reti radiomobili, ha imboccato la strada del rilancio iniziando da un nuovo amministratore delegato e dal ridisegno del perimetro operativo del Gruppo.

Gianluca Attura è così stato nominato amministratore delegato della società lo scorso aprile.

Attura, che ha importanti esperienze ai vertici decisionali di Siemens Italia ed ha guidato come amministratore delegato, tra le altre Avaya e Selta, è un profondo conoscitore del mondo delle TLC, e come tale è stato anche componente del board di Fondazione Ugo Bordoni.

Gianluca Attura, amministratore delegato di CommProve

Nella riorganizzazione operativa di CommProve tutte le attività commerciali, di ricerca e sviluppo e di supporto dei clienti italiani ed esteri del Gruppo sono state concentrate nella sede di Scandicci (Fi).

Oggi le soluzioni CommProve monitorano in tempo reale oltre 330 milioni di utenti, per 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 in quattro continenti e processano più di 10 milioni di transazioni giornaliere in alcuni siti produttivi.

CommProve rappresenta il classico caso di una realtà italiana che produce ed esporta prodotti e soluzioni adottate nel mondo grazie alla grande capacità di innovazione in questo campo.

Oltre alla riorganizzazione CommProve ha così lanciato una nuova piattaforma.

Si tratta di Data Integrated Virtual Analytics – Diva, nuova soluzione per l’analisi, il rilevamento delle performance e la sicurezza delle reti radiomobili.

Basata su una nuova architettura virtualizzata, Diva è creata per soddisfare le analisi dei Big Data, necessarie per la pianificazione delle reti e in particolare domani quando, con l’adozione massiva delle reti 5G, si può prevedere un aumento del traffico dati esponenziale.

I nuovi sistemi di virtual probing, su cui si basa CommProve Diva si basa, permettono una gestione unificata dei dati in ambienti misti o completamente virtualizzati.

Per Gianluca Attura “Diva è un’innovazione flessibile che consente il collegamento con altri strumenti di analisi per connettersi con applicazioni che vanno dal marketing alla sicurezza, all’assurance e alla remediation, passando da un modello oramai obsoleto di verifica offline dei dati a quello di una diponibilità in real time dello stato complessivo e di dettaglio della rete”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php