Home Cloud Amazon semplifica la gestione delle API dei servizi AWS e di terze...

Amazon semplifica la gestione delle API dei servizi AWS e di terze parti

Amazon Web Services ha annunciato la disponibilità di AWS Cloud Control API, un set unificato di application programming interface (API) che sono progettate per rendere facile per gli sviluppatori la gestione dei loro servizi AWS e di terze parti.

AWS offre un ampio e profondo portafoglio di servizi cloud che i builder sfruttano per costruire qualsiasi tipo di infrastruttura cloud.

La piattaforma cloud è iniziata con Amazon Simple Storage Service (Amazon S3) 15 anni fa – ha sottolineato AWS – ed è cresciuta fino a superare i 200 servizi.

Ogni servizio AWS ha un’API specifica con il suo vocabolario, i suoi parametri di input e la segnalazione degli errori. Ad esempio, si usa l’API S3 CreateBucket per creare un bucket Amazon Simple Storage Service (Amazon S3) e l’API Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2) RunInstances per creare un’istanza EC2.

I casi d’uso sono innumerevoli. Alcuni usano le API di AWS per costruire infrastructure-as-code, altri per ispezionare e migliorare automaticamente la propria postura di sicurezza, altri ancora per la gestione della configurazione o per fare il provisioning e configurare cluster di calcolo ad alte prestazioni.

Man mano che le applicazioni e le infrastrutture diventano sempre più sofisticate e si lavora su più servizi AWS, diventa sempre più difficile imparare e gestire le diverse API.

Questa sfida viene ulteriormente amplificata quando si utilizzano anche servizi third-party nella propria infrastruttura, poiché è necessario costruire e mantenere codice personalizzato per gestire sia i servizi AWS che quelli di terze parti, parallelamente.

È questa la complessa sfida che Amazon Web Services vuole affrontare con la nuova funzionalità.

AWS Cloud Control API

Cloud Control API è un set standardizzato di API per creare, leggere, aggiornare, eliminare ed elencare (CRUDL: Create, Read, Update, Delete, and List) le risorse in centinaia di servizi AWS e decine di servizi di terze parti. E la lista dei servizi supportati è in continua crescita, ha sottolineato Amazon Web Services.

AWS Cloud Control API espone cinque definizioni comuni (CreateResource, GetResource, UpdateResource, DeleteResource, ListResource) per gestire il ciclo di vita dei servizi.

I parametri di input sono definiti da un modello di risorse unificato usando JSON. Allo stesso modo, i tipi restituiti e i messaggi di errore sono uniformi per tutti i vocabolari e tutte le risorse.

Cloud Control API – ha messo in evidenza Amazon Web Services – fornisce attualmente supporto per centinaia di risorse AWS.

E l’azienda continuerà ad aggiungere il supporto per le risorse AWS esistenti, attraverso servizi come Amazon Elastic Compute Cloud (Amazon EC2) e Amazon Simple Storage Service (Amazon S3) nei prossimi mesi.

Inoltre, supporterà le nuove risorse AWS tipicamente il giorno del lancio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php