Home Cloud Amazon, più semplice fare query e analisi sui dati nel cloud

Amazon, più semplice fare query e analisi sui dati nel cloud

Amazon Web Services (AWS) ha annunciato la disponibilità generale di Amazon Redshift Query Editor V2, uno strumento basato sul web che gli analisti possono utilizzare per esplorare, analizzare e condividere i dati utilizzando SQL.

Nello specifico, permette di esplorare, analizzare, condividere e collaborare sui dati memorizzati su Amazon Redshift, il servizio di data warehouse nel cloud di AWS. Il tool supporta i data warehouse su Amazon Redshift e i data lake attraverso Amazon Redshift Spectrum.

Amazon Redshift Query Editor V2 – ha spiegato AWS – fornisce un’interfaccia web serverless gratuita che riduce i costi operativi della gestione degli strumenti per le query e dell’infrastruttura.

Amazon Redshift Query Editor V2

Siccome si tratta di un editor SQL gestito nel proprio browser ed è integrato con il proprio provider single sign-on, Query Editor V2 riduce il numero di passaggi fino alla prima query e così l’utente può ottenere insight più velocemente.

E non solo questo: si ottiene anche l’analisi visuale in-place dei risultati della query, senza che sia richiesto alcun download di dati, il tutto in un unico posto.

Come ulteriore contributo all’aumento della produttività del team, questo strumento migliora la collaborazione con le query salvate e la possibilità di condividere risultati e analisi tra gli utenti.

Il perché dell’esigenza di uno strumento di questo tipo lo ha spiegato AWS.

Per quel che riguarda il manipolare e analizzare dati relazionali, Structured Query Language (SQL) è uno standard internazionale dal 1986. Eppure, a volte ci vogliono ore per ottenere l’accesso a un nuovo database o data warehouse, configurare le credenziali o il single sign-on, scaricare e installare diverse librerie desktop o driver e familiarizzare con il nuovo schema.

Tutto ciò, ancor prima di eseguire una query. Per non parlare – ha messo in evidenza ancora Amazon Web Services – della sfida di condividere query, risultati e analisi in modo sicuro tra i membri dello stesso team o tra team diversi.

Amazon Redshift Query Editor V2

Dal punto di vista della sicurezza, gli analisti possono accedere a Query Editor V2 senza richiedere alcun privilegio di amministrazione sul cluster Amazon Redshift, utilizzando un ruolo IAM per l’accesso READ, WRITE o ADMIN.

L’interfaccia web di Amazon Redshift Query Editor V2 permette di sfogliare schemi, tabelle, viste, funzioni e stored procedure. L’interfaccia stessa, assicura AWS, è intuitiva sia per gli analisti di dati esperti che per quelli alle prime armi.

Anche eseguire una query è semplice: basta scrivere (o incollare) la query e scegliere Run. È poi possibile visualizzare e interagire con il set di risultati nel pannello inferiore.

Anche se Amazon Redshift Query Editor V2 è uno strumento basato su browser, lo spostamento dei dati tra il browser e il cluster Amazon Redshift è ottimizzato, quindi il browser non ha bisogno di scaricare alcun dato grezzo.

Inoltre, molto del processo di filtro e ordinamento avviene direttamente nel browser, senza alcun tempo di attesa.

Per esportare un set di risultati come file JSON o CSV sulla propria macchina locale, basta fare semplicemente clic con il tasto destro del mouse.

Ma oltre alle funzioni di base di esecuzione delle query, Amazon Redshift Query Editor V2 offre utili funzionalità aggiuntive di team collaboration. Ad esempio con le query salvate e condivise, la possibilità di organizzarle in cartelle, anche innestate, e la cronologia delle versioni.

Amazon Redshift Query Editor V2

Amazon Redshift Query Editor V2 permette anche di eseguire visualizzazioni in-place dei risultati. Quando l’utente è soddisfatto del look and feel del grafico, può salvarlo per riprenderlo dopo e organizzare tutti i suoi grafici salvati in cartelle.

Questo permette – ad esempio – di scegliere semplicemente un grafico salvato, rieseguire la query corrispondente ed esportare la nuova immagine. Senza bisogno di riconfigurare il grafico da zero o ricordare la configurazione di centinaia di grafici e query in diversi progetti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php