I marketplace in rete dove si comprano gli algoritmi

Mancano esperti di intelligenza artificiale, manca chi sia in grado di realizzare algoritmi per le soluzioni delle aziende. Lo skill shortage è un problema serio, ma le aziende non possono frenare la loro corsa verso quelli che sono diventati strumenti di innovazione per le aziende. E allora l'unica possibilità è di comprare gli algoritmi.

In rete, infatti, si sono sviluppati alcuni siti che mettono in vendita queste preziose creazioni. Si tratta di Quantiacs (un trading system), PrecisionMapper e Algorithmia, considerato forse il più ricco con un’offerta di oltre cinquemila algoritmi.

Analisi semantica, traduzione automatica, riconoscimento dei modelli, analisi delle sensazioni. Algorithmia offre un'ampia varietà di modelli di intelligenza artificiale e di apprendimento automatico dal mondo accademico. Il MIT e le università di Austin, Berkeley, Tokyo, Toronto e Washington sono tra i suoi contributori più famosi.

Algorithmia condivide le conoscenze

Fondata da Diego Oppenheimer, ceo dell'azienda con un master in business intelligence ed esperienze su sui prodotti di analisi dei dati di Microsoft e da Kenny Daniel, direttore tecnico con tesi di dottorato sull'Ia prima di sviluppare algoritmi per applicazioni di riconoscimento delle immagini, l’azienda nasce da una frustrazione che Diego Oppenheimer dettaglia in un proprio blog post. Storicamente, gli specialisti di data intelligence lavorano nel proprio angolo per progettare algoritmi senza condividere le loro conoscenze.

Partendo da questa osservazione, Algorithmia propone uno spazio comunitario in cui raccogliere algoritmi messi a disposizione da altri. Attraverso un'Api, la piattaforma permette di testarli ed eseguirli direttamente in un'applicazione in fase di sviluppo. Non c'è bisogno di informarsi sui diritti associati o sull'ambiente di runtime (librerie, compilatori). La piattaforma converte il codice nel linguaggio di programmazione di destinazione: Go, Java, JavaScript, Python, R, Ruby, Rust, Scala...

Una promessa che ha sedotto gli sviluppatori, ma anche gli investitori. Nell'agosto 2014, Algorithmia ha raccolto 2,4 milioni di dollari da Madrona Venture e altri quattro fondi. Nel giugno 2017, la startup americana ha riaperto i battenti raccogliendo 10,5 milioni di dollari dai suoi investitori storici, ma anche dal nuovo fondo di Google dedicato all'intelligenza artificiale. Non male per un'azienda che, tra le sedi di Seattle e Washington e la sua rappresentanza commerciale, conta una trentina di dipendenti.

La piattaforma valuta la propria offerta in base alla durata di utilizzo degli algoritmi (10 000 secondi di tempo di calcolo vengono addebitati 1 dollaro). A questo può essere aggiunto un costo richiesto dal progettista dell'algoritmo. Algorithmia offre due modalità di hosting, all'interno della sua infrastruttura o su un terzo ambiente. In questo secondo caso, può essere un server installato a casa dell'utente (on-premise), o un cloud privato o pubblico.

Per professionalizzare la propria offerta, lo scorso novembre Algorithmia ha lanciato Ai Layer. In un approccio DevOps, questo ambiente software consente alle aziende di automatizzare l'implementazione di modelli di intelligenza artificiale e apprendimento automatico nella lingua di loro scelta e di creare un portfolio.

Oltre a Quantopian o Quantiacs, Algorithmia compete anche con i mercati dei principali fornitori pubblici di cloud. Ad esempio, Microsoft Azure offre servizi cognitivi chiavi in mano sul suo mercato. Anche se si posiziona in modo diverso, il concorrente più serio di Algorithmia è Kaggle, acquisita da Google nel marzo 2017.

Fondata nel 2010, questa start-up australiana è la più grande comunità mondiale di scienziati dei dati. Più di 800.000 esperti di dati utilizzeranno la sua piattaforma per esplorare e testare gli ultimi sviluppi relativi alla macchina per l'apprendimento. Kaggle è meglio conosciuta per i concorsi che organizza che permettono alle aziende di valutare le prestazioni degli sviluppatori, in particolare dal punto di vista del recruiting.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here