Home Mercato Agrifood-tech, le startup raccolgono 20 miliardi di dollari in investimenti

Agrifood-tech, le startup raccolgono 20 miliardi di dollari in investimenti

Il rapporto AgFunder Agri-FoodTech Investing Report – 2019 non lascia spazi a dubbi: nel 2019 gli investimenti nelle startup agrifood-tech hanno raggiunto  i 19,8 miliardi di dollari. 
Negli ultimi 5 anni, la crescita degli investimenti nel settore è stata del 250%.
Il  2019 è stato un anno di alti e bassi per l’agroalimentare, riflettendo in gran parte le prestazioni del mercato globale del venture capital, dove i livelli di finanziamento sono scesi del 16% rispetto ai livelli record del 2018,

Le start-up di food delivery hanno raccolto il 56% in meno anno su anno; questo segmento ha raccolto negli anni un grande numero di finanziamenti ed inizia a mostrare segni di rallentamento, con i principali. player a dominare la scena e accaparrandosi gran parte degli investimenti e con ciclci di finanziamenti sempre crescenti.

Note positive dalla value chain dell’agrifood-tech, in cui l’investimento ha continuato a crescere, chiudendo ben 7,6 miliardi di dollari di investimenti, +1,3% anno su anno, ed un secondo semestre molto positivo, tra cui la H2 più performante registrata.
Questa crescita è stata sorretta dal raddoppio degli investimenti in start-up di prodotti alimentari innovativi a 1 miliardo di dollari, e un aumento del 38% anno su anno per i nuovi sistemi agricoli a 745 milioni di dollari. Anche gli investimenti in Europa e in America Latina hanno continuato a crescere.

In totale, il settore ha raccolto un totale di 19,8 miliardi di dollari nel 2019 tra 1858 accordi e 2344 investitori unici.
Anche se si tratta di un calo del 4,8% dei finanziamenti e del 15% di calo dell’attività di affare anno su anno, rappresenta comunque una crescita del 250% in 5 anni. –
Si registra una forte crescita per alcune categorie dell’agri: gli investimenti in diverse categorie di agroalimentare sono cresciuti in modo significativo, tra cui alternative di carne, agricoltura indoor, consegna robotica di alimenti e cloud cooking.

Gli investimenti in startup che operano a monte, più vicino all’agricoltore e prima del rivenditore sono cresciuti dell’1,3% accelerando nella seconda metà 2019 con i numeri più alti per H2 mai registrati. Le proteine alternative e l’agricoltura verticale hanno guidato gran parte di questo aumento.

Gli investimenti nella fornitura di alimenti di consumo sono diminuiti notevolmente – 56%anno su anno, in quanto gli operatori più maturi hanno esteso il loro dominio in un mercato fin troppo saturo.

Nel frattempo, gli investimenti sono cresciuti in tecnologie abilitanti e white-label per i rivenditori per creare le proprie opzioni di consegna.

I finanziamenti europei quasi raddoppiati: guidati dal Regno Unito, il vecchio continente ha continuato a rafforzare la propria industria di venture capital in tutti i settori, con il 94% in più di finanziamenti per le tecnologie agroalimentari rispetto al 2018.

L’America Latina ha avuto un anno di svolta, raccogliendo 1,4 miliardi di dollari in agroalimentare.
La California domina l’ecosistema statunitense: infatti, le startup della California hanno raccolto più di tutti gli altri stati degli Stati Uniti combinati, con la Silicon Valley ad attrarre un grande numero di venture capitalist.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php