Acer: metà strada, metà obiettivo

Al giro di boa dell’esercizio in corso la società ribadisce obiettivi e strategie. Massima attenzione al controllo dei costi e alla crescita su nuove geografie.

Migliorare il bilanciamento tra le diverse geografie,
per far crescere soprattutto i mercati culturalmente distanti dalla tradizione
societaria.
Sono questi gli obiettivi per i prossimi mesi presentati da Acer
nel corso del consueto incontro di fine semestre, per la prima volta senza
Gianfranco Lanci, il cui ruolo oggi lo tiene molto più lontano dall'Italia
rispetto al passato.
Al suo posto Gianpiero Morbello ribadisce gli obiettivi
corporate e quelli specifici per l'Italia.
In termini di fatturato, a fine
2005 l'azienda conta di raggiungere gli 8 miliardi di dollari a livello
mondiale, dai 5,5 miliardi dello scorso anno, con utili che passano da 131,1 a
160 milioni di dollari.
Anche se il conto economico semestrela verrà
pubblicato solo nei prossimi giorni, Morbello già può dire che la società è in
linea con il raggiungimento degli obiettivi prefissati.
Soprattutto in
termini di market share, cosa che del resto testimonano anche i dati di Gartner
e Idc pubblicati proprio in questi giorni sull'andamento del comparto
pc.
Massima attenzione al controllo dei costi, al corretto bilanciamento di
insourcing e outsourcing, focus su alcune geografie specifiche, come gli Stati
Uniti, dove Acer è riuscita nell'arco di 12 mesi a passare dal 6 a oltre l'11%
di market share, la Russia e l'India: questi i punti fermi.
Per l'Emea le
aspettative sono un po' più ambiziose: crescita tra il 45 e il 50% anno su anno,
utile operativo superiore al 3% e costi operativi al di sotto del 5%.
Per
quanto riguarda il nostro mercato nazionale, si parte da una congiuntura di non
facile lettura, nella quale ad alcune realtà di più grandi dimensioni che stanno
rinnovando i parchi, anche sotto la spinta di azioni di server consolidation, si
contrappone l'immobilismo delle piccole imprese.
L'obiettivo di fine anno è
fissato a 780 milioni di euro: nel primo semestre la società ne ha già
consolidati 347 milioni.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here