A Roberta Cocco lo sviluppo digitale di Milano

Dal Marketing alla Social Responsability fino alla direzione dei Piani di Sviluppo nazionali di Microsoft Western Europe.
E ora un posto nella neocostituita Giunta del Comune di Milano, chiamata dal Sindaco Giuseppe Sala a ricoprire l’incarico di Assessore alla Trasformazione Digitale e Servizi Civici del Comune di Milano, come annunciato dallo stesso sindaco e ufficializzato nella giornata di ieri.
Questa è l’ultima, in ordine di tempo, tappa del percorso professionale di Roberta Cocco, che ha legato il suo nome, non solo in Italia, al progetto Nuvola Rosa, con il quale Microsoft e i suoi partner tecnologici e istituzionali da anni si impegnano con l’obiettivo di avvicinare ragazze e donne alle potenzialità del digitale e agli studi STEM (Science, Technology, Engineering, Mathematics).
"Un assessorato chiave" lo definisce Sala, che ne definisce i compiti: "supportare la trasformazione della macchina comunale, far sì che i servizi ai cittadini siano sempre più semplificati e automatizzati, aiutare la diffusione del digitale in città, non solo il WiFi". Sala immagina anche lo sviluppo di una App, "simile a quella che ha il Comune di Barcellona", tramite la quale chi arriva a Milano, per turismo o per lavoro trovi tutto ciò di cui ha bisogno.
Per poter seguire il nuovo incarico, Roberta Cocco prenderà un’aspettativa da Microsoft a partire dal prossimo 1 settembre.

Qui la presentazione della nuova giunta da Parte di Giuseppe Sala. La definizione del ruolo dell'Assessore alla Trasformazione Digitale e dei Servizi Civici è al minuto 5.30.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

1 COMMENTO

  1. Basta un anno di aspettativa per garantire i milanesi sul fatto che non venga in nessun modo favorita l’azienda di peovenienza dell’assessore nella scelta di soluzioni ed ecosistemi? Non lo so… Un rappresentante dell’azienza che ha avversato il software open source fino all’altro ieri saprà valutare con assoluto equilibrio quali siano le soluzioni più vantaggiose per la collettività? Non lo so…

Comments are closed.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here