“800 gli hot spot attivi in Italia”

Pubblicati i primi risultati dell’Osservatorio sul Wi-Fi del Politecnico di Milano. Circa 16.000 sono gli utenti unici del servizio nel primo trimestre 2004 e 400 gli accessi al giorno

22 aprile 2004 A un anno di distanza dalla nascita “ufficiale”del
Wi-Fi in Italia (sancita dal decreto ministeriale di maggio 2003)
si cominciano a tirare le somme sulla connessione wireless nostrana.

A fare il punto è il Politecnico di Milano che ha pubblicato oggi i
primi risultati dell'Osservatorio permanente sul Wi-Fi,
nato alla fine del 2002 con l'intento di monitorare l'impatto del
wireless fidelity sulle organizzazioni e sui cittadini.

In base ai dati dell'Osservatorio, a fine marzo erano attivi in Italia
circa 800 hot spot (vale a dire i punti di accesso pubblici
per la connessione a Internet senza fili tramite il proprio notebook o palmare).
Erano 450 nel settembre e 650 a dicembre 2003.
Per la fine dell'anno le previsioni degli operatori sono di arrivare a
2.600.

Questi hot spot pubblici sono stati usati da 16.000 utenti unici (cioè
diversi) nel corso dei primi tre mesi del 2004 e sono oltre 400 gli
accessi medi giornalieri
rilevati nel mese di marzo 2004.

Come era lecito aspettarsi, la Lombardia è la regione
che concentra il maggior numero di hot spot attivi (195 per la precisione) seguita
a debita distanza dal Lazio (109) e dalla Sicilia
(80). Si noti come la distribuzione sia anche influenzata dalla presenza nella
singola regione di un provider particolarmente attivo (è il caso della
Sicilia).

Nel 46% dei casi, gli hot spot sono posizionati negli hotel/centri
congressi,
nei negozi/centri commerciali (20%), nei pubblici esercizi
(12). Gli aeroporti, le stazioni e i porti concentrano il 5% degli hot spot,
ma, attenzione, si parla di unità: il “peso” di questi hot
spot dal punto di vista del mercato potenziale è molto di più.

Il quadro tariffario che emerge dai dati dell'Osservatorio
è variopinto: gli operatori propongono sia tariffe flat
(ore o multipli di ore, abbonamenti giornalieri o mensili), sia a consumo
(da 20 a 100 minuti). La carta prepagata è il metodo
più diffuso, ma le tariffe definite dagli operatori sono molto variegate
. Giusto per dare qualche esempio: la tariffa per 1 ora a consumo prepagata
passa da un minimo di 3 euro a un massimo di 20; 1 ora flat prepagata costa
da 6 a di 9,9 euro. Ovviamente cambiano i servizi connessi alle varie tariffe,
ma è interessante notare come sia ampio adesso lo spettro di prezzo,
«frutto di un mercato ancora in piena evoluzione», commenta
Andrea Rangone del Politecnico di Milano.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here