Nelle Langhe Internet senza cavi

Il progetto “Include” per i comuni esclusi dalla banda larga

Portare la banda larga via Wi-fi nelle case di quei piccoli Comuni che non hanno l'Adsl e rompere gli schemi dell'isolamento digitale che taglia fuori un cittadino su tre.
È questo l'obiettivo del progetto Include promosso dall'Associazione Anti Digital Divide (Add) che si propone di creare una piattaforma d'incontro tra istituzioni, utenza e imprese per intervenire dove i grandi provider non hanno ancora investito.
La banda larga apre la strada a e-learning, VoIp, telelavoro, e-banking, al momento non praticabili per una parte d'Italia definita di “serie B”: molti piccoli Comuni e Comunità montane a rischio di depauperamento socio-economico e culturale, come confermano recenti ricerche dell'Ires (Istituto ricerche economiche e sociali).

Un progetto partito lo scorso febbraio a Diano D'Alba, nel cuneese (l'80% dei comuni di questa provincia è escluso dal broad band) che, grazie a una convenzione firmata da Add con l'Associazione nazionale piccoli comuni italiani (Anpci) e con alcuni provider di connettività wireless, potrà essere esportato in tutti i piccoli Comuni associati. Il progetto di Diano D'Alba verrà realizzato con l'intervento della società Wavetech e dovrebbe essere operativo nel giro di pochi mesi. Tecnicamente si tratterà di prelevare la banda larga a monte da dorsali esistenti, creare ponti radio per giungere al centro abitato e distribuirla tramite antenne Wi-fi. Tutti i provider interessati possono considerare l'opportunità di aderire all'iniziativa. A tal fine Add ha creato un minisito dedicato a chi, Comuni e provider, vogliano saperne di più sul progetto (http://progettoinclude.antidigitaldivide.org/).

Questa progetto non è l'unico a promuovere l'uso del Wi-fi come alternativa all'Adsl. In alcuni Comuni delle Province di Cremona, Cagliari e Vicenza sono arrivate le offerte rispettivamente dei provider Digicolor, Netika ed E4A. A Roma, in alcune zone intorno al raccordo anulare non coperte, è operativo il Wi-fi della società Ydea.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here