Nel cloud un servizio su due è SaaS

Emerge da una ricerca di Ponemon per Ca Technologies effettuata presso i fornitori che fa emergere dubbi sul fronte della sicurezza, ritenuta a carico del fruitore.

Ponemon Institute ha intervistato per conto di Ca Technologies 127 fornitori di servizi di cloud computing: 103 negli Stati Uniti e altri 24 in sei Paesi europei.

Dalle risposte degli intervistati è emerso che il SaaS è il servizio cloud più diffuso con il 55%, seguito dallo IaaS (34%) e PaaS (11%).

Il 65% dei fornitori di servizi di cloud computing interpellati nel corso dell'indagine utilizza le proprie risorse informatiche in un cloud pubblico, il 18% in un cloud privato e il 18% in un ambiente ibrido.

Secondo gli intervistati gli utenti migrano al cloud per risparmiare, tempo e denaro.
Ma non per sicurezza.

Tant'è che 8 fornitori su 10 stanziano al massimo il 10% delle risorse per le attività di sicurezza.
Dallo studio è infatti anche emerso che meno del 20% dei fornitori di servizi cloud negli Stati Uniti e in Europa considera la security un vantaggio competitivo. La maggioranza di loro (il 69%) ritiene che la security ricada sotto la responsabilità del fruitore. E riguardo la detenzione della proprietà intellettuale su cloud, il 42% dei fornitori di servizi la ritiene tutto sommato rischiosa.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here