Microsoft Team: la collaboration in Office 365

A meno di una settimana dall’evento di lancio dei nuovi Surface, Microsoft prende di nuovo la scena, con un annuncio che guarda al mondo della collaboration e alla produttività: Microsoft Teams.
Sul palco, a New York, il Ceo Satya Nadella, che ha subito sottolineato come l’ultimo nato si inserisce perfettamente nella mission aziendale: “Empower every person and every organization on the planet to achieve more”.
E l’achieve more, in questo caso, è un ripensamento della produttività nei processi di business. “Parliamo di persone, di team, e di tutto quanto possono ottenere insieme”.
Ogni individuo è differente e anche ogni team lo è, è l’assunto di partenza e Nadella sottolinea come “Teamwork e collaboration sono un’arte, ce lo insegnano i musicisti, le orchestre, le squadre sportive: l’arte di trovare i giusti processi, i giusti strumenti è quella che porta al successo”.
Non esiste un blueprint o un tool universale e questo vale anche per le aziende.
“Non ci sono due team uguali né due progetti uguali, non ci sono tool unici. Esiste però un toolkit universale: Office 365”.
Ed è su Office 365 che si innesta la novità annunciata oggi.

Cosa è Microsoft Teams 

Microsoft Teams è un nuovo strumento. Un chatbased workspace, così lo definisce la società, per facilitare la collaborazione in tempo reale nei gruppi di lavoro.
Come Outlook riunisce in una esperienza unificata email, contatti, calendario, Teams unifica chat, meeting, Notes, Office, PowerBI, mantenendo la totale integrazione con Office 365.
Spiega Kirk Koenigsbauer, corporate vice president del Team Office in Microsoft: “Oggi si parla di team agili, organizzazioni piatte, ambienti fluidi. Costruire la cultura di team è parte della digital transformation”.
E Teams corrisponde alle esigenze dei gruppi di lavoro.

  • Offre un servizio di chat di gruppo, persistente, organizzata per thread, aperta o privata, basata su Skype.
  • È un hub per il lavoro di gruppo, con strumenti che includono Word, Excel, PowerPoint, OneNote, tutti integrati con Sharepoint, PowerBI, Planner, Delve, con Microsoft Graph e Office 365 Groups.
  • È personalizzabile per ciascun team, con canali e meme personalizzati, servizi cloud e connettori comuni (ad esempio da Twitter o GitHub), estensibile via API.
  • È sicuro, grazie alla cifratura dei dati, alla compliance con le policy e le norme interne ed esterne all’azienda, all’autenticazione multifattoriale, è gestito centralmente come parte di Office 365.
  • Consente, a chi fa parte di diversi team, di tenere sotto controllo le attività e i flussi di ciascuno da un’unica console visuale.
La disponibilità, come si attiva

È disponibile in preview da oggi in 181 Paesi, localizzato in 18 lingue per chi ha sottoscritto un piano Office 365 Business oppure Enterprise, mentre la general availability è prevista per il primo trimestre del prossimo anno.
Al lancio di Microsoft Teams si aggiunge anche un nuovo programma dedicato agli sviluppatori, con l’obiettivo di estendere il servizio: già si parla oltre 150 partner coinvolti al momento della General Availability, con nomi quali Zendesk, Asana, Hootsuite, ma è chiaro che l’obiettivo è averne a bordo quanti possibile.
Per attivare la preview è sufficiente che gli Amministratori di Office 365 aprano l’admin center e clicchino su Settings > Services & Add Ins> Microsoft Teams.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here