Il food and beverage ha scoperto l’intelligenza artificiale

Per capire cosa hanno a che fare intelligenza artificale e food&beverage aiutiamoci con un esempio.

Qual è il modo migliore per coltivare il basilico? Piazzare un seme nel compost, aggiungere acqua, e lasciare al sole è il metodo normale. Ma se volete fare le cose per bene la Royal Horticultural Society stabilisce che il seme deve essere piantato in febbraio utilizzando 7,5 centimetri di compost.

E si sposta il tutto all'esterno quando il pericolo di gelo è esaurito. Ma c’è ancora un altro livello e prevede l’utilizzo dell’intelligenza artificiale.

Gli accademici del Massachusetts Institute of Technology stanno lavorando con la Sentient Technologies della Silicon Valley per costruire un laboratorio fornito di intelligenza artificiale per la coltivazione del migliore basilico al mondo.

La sperimentazione avviene su più generazioni di basilico. Ciascuna di esse è coltivata a condizioni rigorose ed elementi come la luce Uv, salinità, calore, stress dell'acqua e altro ancora sono controllati in questi esperimenti e la resa delle colture sono analizzati.

La prima scoperta dell'intelligenza artificiale

Poi arriva il bit intelligente. Quando il numero di campioni è piccolo e vengono modificati solo pochi attuatori, è possibile utilizzare processi gaussiani per prevedere quale sarà l'esito di una nuova ricetta e l'ottimizzazione bayesiana per creare suggerimenti per buone ricette.

In seguito, man mano che la dimensionalità e il numero di campioni crescono, viene utilizzata una rete neurale come modello e gli algoritmi evolutivi come metodo di ottimizzazione.

Lentamente i legami tra le condizioni di crescita e la pianta finale diventano evidenti. E l’intelligenza artificiale ha già riscoperto un noto compromesso tra peso e sapore e un nuovo sorprendente risultato: la luce perpetua può aiutare alcune piante a produrre più sapore.

Questo è solo uno degli innumerevoli modi in cui l'Ia sta cambiando cibo e bevande. Alcuni dati suggeriscono che l'industria alimentare sarà influenzata dall'intelligenza artificiale più di molti altri settori. Accenture calcola che l'intelligenza artificiale ha il potenziale per aumentare la produttività in tutto il mondo avanzato del 40% entro il 2035, ma l'agricoltura supererà le prestazioni con un aumento del 53%

Prendete i metodi di coltivazione. I droni vengono utilizzati per scansionare i campi per monitorare le colture. I trattori e le mietitrebbie autoguidanti lavorano senza il coinvolgimento umano. E secondo gli scienziati del Mit esistono opportunità nell' uso dell'Ia per prendere decisioni più complesse, ad esempio la scelta del raccolto per dare il rendimento ottimale in base ai dati disponibili per un particolare campo.

L' Università di Lincoln sta creando una flotta di robot per raccogliere frutta e verdura. Il Lincoln Institute of Agri-food Technology dell'ateneo ha creato una flotta di trasportatori modellati sul Mars lander.

Un robot completamente automatico per la raccolta dei broccoli utilizza l'Ia collegato a una telecamera 3D per guidare le macchine di raccolta con un tocco morbido e delicato per strappare ogni gambo con danni minimi. Attualmente quasi tutti i broccoli devono essere raccolti manualmente; la macchina può aiutare gli agricoltori a sostituire alcuni dei loro 85.000 raccoglitori stagionali, ruoli che dopo Brexit possono essere difficili da svolgere.

Quante zucchine mettere sugli scaffali

Nel settore della vendita al dettaglio di prodotti alimentari, l’utilizzo dell’intelligenza artificiale è normale. Morrisons lavora con lo specialista di algoritmi Blue Yonder per automatizzare l'ordinazione dei prodotti per i suoi supermercati. Blue Yonder traccia i dati di vendita e poi sbriciola centinaia di altre variabili, dal meteo alle partite di calcio, per misurare esattamente quante zucchine e rape mettere sugli scaffali. Il processo automatizza lo stoccaggio di 26.000 prodotti ambient e a lunga durata in 491 negozi. I report di Morrisons riportano una riduzione del 30% delle lacune negli scaffali e una riduzione di due o tre giorni delle scorte in magazzino. Il personale viene liberato dall'arduo compito di elaborare i numeri degli ordini.

Orkla, un'azienda di beni di consumo che opera principalmente nelle regioni nordiche e baltiche, sta installando una serie di robot Yumi prodotti da Abb. Questi braccia robotizzate sono controllate da Ia e possono confezionare e ordinare i prodotti dolciari molto più velocemente degli esseri umani.

Il gruppo alimentare Danone sta lavorando con ToolsGroup per migliorare la supply chain. L'errore nelle previsioni è diminuito del 20%. La scadenza del prodotto è inferiore del 30%. E c' è un miglioramento del 55% nell'aumento netto rispetto alle promozioni.

Avete voglia di una birra all’intelligenza artificiale? Potete provarle a Londra dove la birreria IntelligentX di Londra, che utilizza i feedback per modificare la ricetta in base all'apprendimento del rinforzo e al sistema di ottimizzazione Bayesiana. È stata fondata da un ex PhD Rob McInerney e Huw Leith, ex direttore di M&C Saatchi dell' Università di Oxford.

Suggestic infine è una delle tante applicazioni che competono nel mercato della salute e del fitness. Esamina le abitudini e le preferenze alimentari per creare raccomandazioni. Un'interfaccia di realtà aumentata analizza i menu per fornire consigli dietetici e una chat bot prevede pasti settimanali

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here