Come Esselunga ha trasformato la propria supply chain

Per continuare a rispondere al meglio alle esigenze dei propri clienti, e mantenere la propria posizione di leader nel mercato, la catena italiana di supermercati Esselunga ha deciso di affidare a Manhattan Associates, la trasformazione strategica della propria supply chain, per massimizzare il livello del servizio offerto attraverso la propria rete di oltre 150 supermercati.

Esselunga conta oggi circa 23.000 dipendenti e dispone di una vasta gamma di prodotti comprensiva di migliaia di prodotti in stock (SKU - Stock Keeping Unit), e centinaia di marchi private label. Partendo da tre centri di distribuzione, la merce viene trasportata verso i punti vendita in Lombardia, Toscana, Piemonte, Emilia-Romagna, Veneto, Liguria e Lazio.

Qualità, freschezza dei prodotti e prezzi accessibili incarnano la filosofia del marchio Esselunga, che da sempre crede nell’ottimizzazione dei processi back-end della supply chain, per garantirne il rispetto dei valori e una perfetta sincronizzazione con le operazioni dei punti vendita e con i sistemi front-end, destinati ai consumatori diretti.

Supply chain avanzata

Esselunga ha quindi deciso di sostituire i propri sistemi tradizionali con una soluzione per la supply chain avanzata, in grado di gestire esigenze aziendali sempre più complesse, come la costante crescita di referenze per articolo, gli enormi flussi di prodotti e la necessità di garantire un rifornimento rapido e preciso a tutti i punti vendita.

I centri di distribuzione Esselunga sono stati interconnessi tramite le soluzioni Warehouse Management (WMS), Labour Management e Slotting Optimisation di Manhattan Associates, per rispondere alle più complesse richieste di picking, migliorare i livelli di accuratezza e apportare un generale potenziamento delle operazioni di logistica e distribuzione.

Sfruttando la logica wave management di gestione degli ordini, la selezione basata su vincoli e il rifornimento dei prodotti in tempo reale (tutte funzionalità garantite dalla tecnologia Manhattan) sarà possibile accelerare i flussi dei beni, facendoli arrivare più velocemente e in modo puntuale sugli scaffali dei punti vendita.

Una nota di Manhattan Associates riporta che Esselunga considera questa collaborazione come uno dei più importanti progetti condotti sulla supply chain.

Nelle aspettative il nuovo sistema porterà un’evoluzione delle operazioni di distribuzione al dettaglio in termini di velocità di immissione sul mercato, flessibilità del servizio e profittabilità del business.

Esselunga potrà ottimizzare le operazioni di gestione degli ordini e migliorare la disponibilità dei prodotti, accrescendo di conseguenza la fedeltà dei clienti, il fatturato e i margini.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here