Da Pat una Infinite University per formare i service manager di domani

Ha come obiettivo formare nuove figure professionali in grado di contribuire all’evoluzione delle proprie soluzioni sia mediante un presidio diretto presso i clienti, sia dall’interno dell’organizzazione la prima classe di quindici studenti avviata lo scorso 4 luglio da Pat nel nuovo percorso di formazione Infinite University.

Messo a punto dalla realtà che ha sedi a Milano, Treviso, Roma e Barcellona, e che da giugno 2013 ha stretto un’alleanza strategica con Gruppo Zucchetti di cui è parte, in collaborazione con Umana Forma, società di formazione del gruppo UMANA - Agenzia per il lavoro specializzata in corsi di formazione manageriale, addestramento tecnico, formazione linguistica e informatica, il progetto prevede un percorso di formazione della durata di sei settimane volto a formare e identificare le figure professionali che potranno contribuire all’evoluzione delle soluzioni Pat votate alla gestione di customer service, service desk, social collaboration e Crm.

Trasferire valore per creare valore

Dopo una fase di ricerca e colloqui di circa un centinaio di giovani neo laureati provenienti da tutta Italia, sono stati identificati i quindici talenti che stanno già frequentando i corsi formativi che li guideranno concretamente nel proprio ambito professionale di riferimento.
Il programma delle lezioni spazia, infatti, dal team building al problem solving, dalla negoziazione con il cliente fino all’approfondimento di specifiche piattaforme tecnologiche di Pat.

In tal senso, il progetto Infinite University intende realizzare una fucina di talenti da portare in classe e plasmare per garantire ai clienti del Gruppo la presenza di consulenti specializzati e dedicati per lo sviluppo concreto di nuovi progetti.

Non a caso, sul sito Internet creato ad hoc per questo progetto, si riporta chiaramente l’intenzione di ricercare, selezionare, formare e valorizzare “programmatori e project manager che avranno la possibilità di confrontarsi e svolgere progetti con clienti in Italia, in Europa e nel mondo”.
E ancora: “Le tecnologie si progettano, si vendono e si utilizzano, vanno e vengono. Le persone sono invece i veri motori del cambiamento perché sono i potenziali interpreti delle tecnologie di oggi e di quelle che verranno. Con questa iniziativa attiviamo un percorso di eccellenza e di valorizzazione di alcuni talenti ai quali chiediamo: “fame”, “passione”, “qualità”, “voglia” di imparare e mettersi in gioco per contribuire alla crescita di un’azienda che vuole continuare, giorno dopo giorno, a superarsi”.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome