Oracle porta blockchain verso DevOps e il datawarehouse

La blockchain può rendere più diretti ed efficaci numerosi processi: supply chain, identità, pagamenti internazionali, prevenzione delle frodi e altri ancora. Per le aziende, però, può risultare difficoltoso implementare reti blockchain nei loro ecosistemi esistenti.

Le imprese che stanno utilizzando la piattaforma sono passate da una fase sperimentale a una operativa, creando da zero nuove applicazioni blockchain o aggiungendo capacità di questo tipo in soluzioni già esistenti.

Oracle aggiunge altre funzionalità alla piattaforma Oracle Blockchain Platform, per rendere ancora più rapido lo sviluppo, l’integrazione e l’implementazione di nuove applicazioni blockchain.

Oracle Blockchain Platform semplifica la costruzione e integrazione delle applicazioni blockchain su diverse reti aziendali e permette di collegarle ai processi di business rilevanti all’interno di questi ecosistemi.

Utilizzando applicazioni blockchain, i clienti di Oracle stanno creando nuovi modi per aumentare il livello di affidabilità e trasparenza nei più diversi ecosistemi e rendere più veloci, sicuri, efficienti molti processi di business.

China Distance Education Holdings Limited (CDEL) usa la blockchain per condividere fascicoli formativi e certificazioni professionali tra più istituzioni educative, aiutando datori di lavoro e agenzie di ricerca di personale a verificare le credenziali educative dichiarate dai candidati.

Circulor usa la blockchain per individuare i minerali provenienti da zone di conflitto – tracciando il processo dall’origine in miniera alle fasi di lavorazione e uso nella produzione di componenti elettronici, per assicurare che le materie prime siano state raccolte in modo etico.

SERES usa la blockchain per creare più fiducia ed efficienza nei sistemi di fatturazione elettronica usati nelle reti in franchising, con la condivisione dei dati sugli ordini e sul loro completamento tra affilianti e affiliati.

Fra chi ha costruito o integrato applicazioni blockchain pronte per andare in produzione con Oracle Blockchain Platform c'è l’italiana Certified Origins, che se ne serve per il tracciamento dal campo allo scaffale dell’olio extravergine d’oliva Bellucci distribuito nel mercato americano.

Poi ancora Arab Jordan Investment Bank, CargoSmart, HealthSync, ICS Financial Systems, NeuroSoft, Nigeria Customs, OriginTrail, SDK.Finance, TradeFin.

Sicurezza, produttività e DevOps nella nuova release

Nella nuova release di Oracle Blockchain Platform la società ha aggiunto funzionalità che migliorano la produttività degli sviluppatori e funzionalità di gestione dell’identità.

Si tratta di aggiunte fondamentali per diversi tipi di organizzazioni che conducono transazioni di business via reti blockchain.

Nuove capacità DevOps rendono più facile integrare la piattaforma con i sistemi IT e business esistenti.

Dal momento che la blockchain diventa un luogo di conservazione dei dati, la piattaforma permette ai clienti che usano Oracle Autonomous Data Warehouse di catturare in modo trasparente lo storico delle transazioni blockchain e i dati sullo stato corrente per analizzarli con strumenti di analytics e integrarli con altre fonti di dati.

Tra le nuove funzionalità Oracle elenca

Enhanced world state database (per supportare “standard SQL-based ledger queries”)
Rich history database.
Enhanced REST API
Identity federation
Supporto per certificazione di terze parti
Supporto per Hyperledger Fabric 1.3 (con funzionalità aggiuntive su sviluppo open source e Java)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome