Zoom 12x per la nuova DMC-FZ2 firmata Panasonic

Un invidiabile obiettivo con focale equivalente a un 35-420 contraddistingue l’evoluzione della DMC-FZ1, che offre anche la possibilità di operare manualmente in priorità dei tempi e diaframmi. In arrivo anche due nuove foto/videocamere che registrano solo su schede SD

30 settembre 2003 Nella nuova compatta Lumix DMC-FZ2,
Panasonic è riuscita a far stare un obiettivo con zoom 12x, come da tradizione
realizzato da Leica. Una sorta di record per una punta e scatta, che, in virtù
delle dimensioni dell'ottica, assomiglia però molto a una piccola reflex.
Più in dettaglio, la lunghezza focale disponibile equivale a un 35-420
mm
di una tradizionale 35 mm, mentre come apertura massima viene assicurato
F 2.8
su tutta la gamma degli ingrandimenti. Per eliminare eventuali
oscillazioni che potrebbero nascere sia in seno alle focali più spinte
sia durante le riprese macro, Panasonic ha inserito nella fotocamera un dispositivo
per la stabilizzazione dell'immagine
, che è volto anche a migliorare
le prestazioni quando la luce è piuttosto limitata.

Tra le altre caratteristiche, la DMC-FZ2 vanta anche un tempo di scatto
molto rapido
: riferendosi ai dati nominali, trascorre solo un decimo
di secondo da quando viene premuto il tasto dell'otturatore e avviene lo scatto
stesso. Molto veloce è anche la raffica: si arriva a quattro fotogrammi
al secondo e con un massimo di 7 fotogrammi consecutivi.

Dal punto di vista estetico, la nuova fotocamera riprende il design del modello
DMC-FZ1 (a onor del vero, anch'esso dotato di zoom 12x) da cui eredita anche
il sensore da 2 megapixel, risoluzione forse oggi un po' limitata
per un prodotto di questo tipo. Tuttavia, si differenzia dal suo predecessore
per l'inserzione di alcune regolazioni manuali, come la priorità di tempi
o di diaframmi, il bilanciamento del bianco e la saturazione dei colori. Nell'idea
di Panasonic, rimane comunque una fotocamera indirizzata a un'utenza
domestica
o comunque di non esperti. Il prezzo non è ancora
stato fissato, ma sembra non si dovrebbe distanziare molto da quello della DMC-FZ2
che di listino costa 529 euro.

Altre due interessanti novità inerenti il digital imaging in arrivo
da Panasonic sono le due videocamere SV-AV100 e SV-AS10 della
famiglia D-Snap che sono caratterizzate dall'impiego delle schede Secure
Digital al posto delle cassette MiniDv
. Più in dettaglio, la
SV-AS10 ha uno spessore di soli 10 mm, pesa 56 g, dispone di
un CCD da 2 megapixel, di uno zoom digitale 4x e di un obiettivo orientabile
di 180 gradi. Disponibile in tre colori (arancio, blu e grigio), può
riprodurre anche file musicali. In arrivo nei negozi verrà venduta a
350 euro.

Dal canto suo, la SV-AV100 è decisamente più
evoluta e consente di realizzare riprese nei formati MPEG2 e MPEG4. Dotata di
un CCD da 800mila pixel, possiede uno zoom ottico 10x, pesa 154 g e le sue dimensioni
sono 33 x 65 x 90 mm. Integra inoltre un display da 2,5 pollici che può
ruotare rispetto al corpo della videocamera. Della dotazione fa anche parte
una SD da 512 MB. Il prezzo di listino è di 1.500 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome