Zone franche urbane, agevolazioni fiscali e contributive per Pmi

Lo stanziamento ammnonta a 303 milioni di euro e interessa le micro e piccole imprese localizzate all’interno delle 33 Zone Urbane di Calabria, Campania e Sicilia ricadenti nell’Obiettivo Convergenza e quelle della provincia di Carbonia-Iglesias in Sardegna.

A breve sarà 
pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto del Ministero dello
Sviluppo economico del 10 aprile 2013
. Tale decreto stabilisce le condizioni, i limiti, le
modalità e i termini di decorrenza delle agevolazioni fiscali e contributive,
in attuazione di quanto previsto all'articolo 37 del decreto-legge 18 ottobre
2012, n. 179 (DL Crescita 2.0) per le micro e piccole imprese localizzate
all'interno delle 33 Zone Urbane delle regioni Calabria, Campania e
Sicilia ricadenti nell'Obiettivo
Convergenza e per quelle della provincia di Carbonia-Iglesias.

La dotazione finanziaria per gli interventi da attuare nell'ambito delle Zone
franche urbane ammonta a complessivi 303 milioni di euro, integrabile con
risorse messe a disposizione dalle Regioni interessate. Per i comuni della
provincia di Carbonia-Iglesias le risorse saranno individuate con un successivo
decreto interministeriale, a valere sulle somme destinate all'attuazione del
“Piano Sulcis”.

Le agevolazioni previste dal decreto sono rappresentate dalle esenzioni
consistenti in:

  • esenzione dalle imposte sui
    redditi (IRPEF, IRES);
  • esenzione dall'imposta
    regionale sulle attività produttive (IRAP);
  • esenzione dall'imposta
    municipale propria (IMU);
  • esonero dal versamento dei
    contributi sulle retribuzioni da lavoro dipendente.

Le agevolazioni sono concesse alle imprese a titolo di “de minimis”. Pertanto,
ciascun soggetto ammesso alle agevolazioni potrà beneficiare delle predette
esenzioni, tenuto conto di eventuali ulteriori agevolazioni già ottenute
dall'impresa sempre a titolo di “de minimis” nell'esercizio finanziario in
corso alla data di presentazione della richiesta di agevolazione nei due
esercizi finanziari precedenti, fino al limite massimo di 200 mila euro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome