WorldCom spedisce seimila lettere di licenziamento

L’operatore voce/dati internazionale WorldCom ha annunciato il licenziamento di seimila dipendenti, pari a una quota compresa tra il 6 e 7 percento. La manovra sembrerebbe mirata a un ulteriore contenimento dei costi in attesa della imminente ristruttu …

L'operatore voce/dati internazionale WorldCom ha annunciato il
licenziamento di seimila dipendenti, pari a una quota compresa tra il
6 e 7 percento. La manovra sembrerebbe mirata a un ulteriore
contenimento dei costi in attesa della imminente ristrutturazione.
WorldCom, che sta progettando di separare le deludenti attività voce
(sia consumer sia wholesale) e dai servizi dati e Internet, non ha
fatto alcun commento ufficiale su questa ipotesi. Secondo le stesse
fonti prossime alla società, l'entità di questa dismissione è
"sorprendentemente" contenuta. Le ultime voci parlavano di un numero
potenziale di 11.500 impiegati, il 15% di una forza lavoro che fino a
ieri era di 77.000 unità nei soli Stati Uniti. Altre 13.000 lavorano
nelle sedi internazionali. La cifra di 6.000 licenziamenti è
approssimativa e non si conosce l'entità degli eventuali costi di
liquidazione. Sul mercato del long distance WorldCom è stata
penalizzata dalla forte concorrenza e dalla pressione sui prezzi. Ma
la notizia desta scalpore perché WorldCom, fino a poco tempo fa
pupilla degli investitori di Wall Street, non ha quasi mai fatto
ricorso a certe misure, nonostante i 60 merger condotti in porto. Nel
'98 erano saltati 2.000 posti in seguito alla fusione (da 40 miliardi
di dollari) con Mci.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here