Windows XP SP2, prese di mira le funzionalità di protezione

“I meccanismi DEP potrebbe essere scavalcati”. Microsoft sta valutando l’analisi di un esperto di sicurezza

Con lo scopo di evitare attacchi oggi molto comuni, Microsoft ha deciso di
lanciare, con il Service Pack 2 per Windows XP, la tecnologia Data Execution
Prevention (DEP)
.

Essenzialmente la memoria viene protetta a livello hardware
impedendo, per esempio, ad applicazioni maligne, di inserire del codice all'interno
di aree di memoria riservate ai dati in modo da poterlo successivamente eseguire.
Oggi non esiste infatti un meccanismo che consenta di verificare se la prossima
istruzione che deve essere eseguita appartenga ad un'area della memoria
che dovrebbe contenere dati o codice.

Il Service Pack 2 si appoggia alla tecnologia NX (No eXecute)
già integrata nei nuovi processori a 64 bit di AMD e
negli Intel Itanium.

DEP marca tutte le locazioni di memoria associate ad un determinato processo
come non eseguibili a meno che le stesse celle non contengano codice.

Qualora si tenti di accedere ad una cella di memoria "dati", NX bloccherà
l'operazione sollevando un'eccezione (status access violation) quindi
terminerà il processo "incriminato".

Tutti coloro che utilizzano processori "tradizionali" (per esempio,
i "classici" Pentium 4 o gli Athlon a 32 bit) che non includono la
tecnologia NX, non possono attivare la funzionalità DEP potendo fidare
soltanto sulla protezione implementata a livello software. Tale tecnica è
denominata "sandboxing".

Microsoft ha confermato di essere al lavoro per investigare sull'analisi recentemente
condotta di un ricercatore russo, esperto in sicurezza informatica.

Secondo quanto affermato da Alexander Anisimov, autore dell'indagine, i meccanismi
di protezione introdotti con il Service Pack 2 di Windows XP potrebbero essere
"scavalcati"
eseguendo così codice arbitario, potenzialmente
pericoloso, sul sistema.

Aree di memoria di dimensioni minori od uguali a 1016 byte potrebbero così
divenire accessibili in scrittura, bypassando il "fortino-DEP".

Microsoft, da parte sua, insiste nel dichiarare che non si tratta di una vulnerabilità
di sicurezza: le funzionalità volte alla protezione della memoria, quelle
di "sandboxing" e la tecnologia DEP sono state concepite per complicare
notevolmente la vita a coloro che vogliono sferrare attacchi a sistemi Windows
mediante l'esecuzione di software maligni.

Il grimaldello preferito è il buffer overrun: il concetto
consiste nell'inserire codice eseguibile ostile in aree di memoria che un programma
sta utilizzzando per gestire dei dati.

Se il programma non è sviluppato correttamente, potrebbe considerare
il contenuto di quell'area di memoria come una istruzione da eseguire anziché
come un dato.

Il buffer overrun è uno dei metodi più utilizzati da parte degli
aggressori per eseguire codice arbitrario sulle macchine-vittima.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here