Home Software Sviluppo Windows 11 on ARM, ora gli sviluppatori possono creare app native

Windows 11 on ARM, ora gli sviluppatori possono creare app native

Microsoft ha annunciato ARM64EC (“Emulation Compatible”), un nuovo modo di costruire applicazioni per Windows 11 on ARM.

Con gli ultimi strumenti di Visual Studio in anteprima e l’SDK Insider di Windows 11, gli sviluppatori saranno in grado di sfruttare ARM64EC per far sì che la propria app possa funzionare con velocità nativa su ARM anche se ha dipendenze o plugin che non supportano ancora ARM.

ARM64EC è una nuova application binary interface (ABI) per Windows 11 on ARM che funziona con velocità nativa ed è interoperabile con x64.

Un’applicazione, un processo o anche un modulo può liberamente combinare ARM64EC e x64. Il codice ARM64EC nell’app verrà eseguito nativamente mentre qualsiasi codice x64 verrà eseguito utilizzando l’emulazione integrata di Windows 11 on ARM.

L’ABI ARM64EC differisce leggermente dall’ABI ARM64 esistente in modi che la rendono binary compatible con il codice x64. In particolare, l’ABI ARM64EC segue le convenzioni software x64 tra cui la convenzione di chiamata, l’uso dello stack e l’allineamento dei dati, rendendo ARM64EC e x64 interoperabili.

Le applicazioni costruite come ARM64EC possono contenere codice x64, ma non devono farlo, poiché ARM64EC è una ABI completa e di qualità per Windows, ha sottolineato Microsoft.

Tradizionalmente, ha messo in evidenza Microsoft, rifare la build di un’app per ARM ha significato ricompilare l’intera app. Il risultato è una esperienza nativa di qualità per il cliente dell’app, perché sblocca la piena potenza del dispositivo ARM.

Tuttavia, dal punto di vista dello sviluppatore, il porting di un’app è una scelta “tutto o niente”, poiché tutti i binari all’interno di un processo devono passare per una nuova build prima che il cliente possa vederne il beneficio.

Con ARM64EC, lo sviluppatore può scegliere di iniziare in piccolo e costruire in modo incrementale. Ad esempio, può identificare una parte del codice che beneficerebbe maggiormente delle prestazioni native e ricostruirlo come ARM64EC. Il resto dell’applicazione rimarrà pienamente funzionale come x64 emulato, ma le parti ricompilate ARM64EC avranno ora una velocità nativa.

Nel tempo, lo sviluppatore può ricompilare più parti dell’app come ARM64EC per migliorare ulteriormente le prestazioni e preservare la durata della batteria per i propri utenti.

La capacità di miscelare x64 e ARM64EC rende possibile costruire un’app per Windows 11 su ARM anche se dipende da codice x64 fuori dal proprio controllo.

I progetti con dipendenze di terze parti che non supportano ARM possono lasciarle come x64. E le app con un ecosistema di plugin possono sfruttare ARM64EC per ottenere una velocità nativa, mentre continuano a caricare e utilizzare plugin x64.

Internamente, Microsoft ha affermato di aver ricostruito i binari dello stesso sistema operativo Windows 11 on ARM con ARM64EC in modo che qualsiasi codice di sistema caricato dalle applicazioni x64 venga eseguito con velocità nativa.

Inoltre, ha aggiunto Microsoft, il team di Office sta usando ARM64EC per il prossimo Office a 64 bit per ARM in modo che i plugin x64 esistenti funzionino senza problemi.

La documentazione di Microsoft spiega come fare i primi passi con ARM64EC.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php