Home Software Sistemi operativi Windows 11, come cambiano il menu contestuale e la condivisione di file

Windows 11, come cambiano il menu contestuale e la condivisione di file

Per Windows 11, Microsoft ha lavorato nell’apportare miglioramenti a come vengono eseguite le operazioni sui file nel menu contestuale del clic destro e nella finestra di dialogo di condivisione.

Questi menu e azioni contestuali possono essere oggetto di estensione da parte delle applicazioni, incluse quelle Win32 unpackaged.

Il menu contestuale di scelta rapida, ha sottolineato Microsoft, è una delle estensioni della Shell più popolari e utili. Quando l’utente è in File Explorer o sul desktop, riduce significativamente il numero di passaggi per completare un’operazione su file rispetto all’apertura di un’app separata.

Per quanto sia utile il menu contestuale di Windows 10, ha però messo in evidenza Microsoft, ci sono aspetti del suo design che la società di Redmond ha ritenuto che potessero essere migliorate in Windows 11.

Windows

Tra questi: i comandi più comuni – taglia, copia, incolla, elimina e rinomina – sono lontani dal puntatore del mouse, dal touch point o dalla penna. Inoltre, il menu è estremamente lungo, essendo cresciuto in un ambiente non regolamentato per 20 anni, da Windows XP, quando fu introdotto IContextMenu.

Esso include comandi che vengono usati raramente e altri comandi che dovrebbero essere raggruppati insieme – come Apri e Apri con – sono a volte distanti tra loro. Ancora: i comandi aggiunti dalle app non hanno uno schema organizzativo comune e possono interrompere altre sezioni, oltre al fatto di non essere attribuibili all’app stessa.

Molti comandi, prosegue Microsoft, vengono eseguiti in-process in Explorer, il che può causare problemi di prestazioni e affidabilità.

Nel menu contestuale di Windows 11 Microsoft ha cercato di risolvere questi problemi in vari modi.

Windows 11

I comandi comuni sono posizionati proprio accanto al punto in cui il menu viene richiamato. I comandi Apri e Apri con sono raggruppati insieme.

Le app estendono il menu con IExplorerCommand + identità dell’app. Le app Win32 unpackaged possono usare Sparse Manifests. Il supporto di IExplorerCommand si estende fino a Windows 7.

Le estensioni delle app sono raggruppate sotto gli elementi della Shell e le app con più di una voce sono raggruppate in un flyout con l’attribuzione dell’app; inoltre, le estensioni per i file delle app dei cloud provider sono posizionate accanto ai comandi Shell.

Il comando “Show more options” carica il menu contestuale di Windows 10 così com’è, per accedere alle voci della Shell poco utilizzate e alle app ancora in fase di porting. Nessun comando è stato rimosso completamente, ha sottolineato Microsoft.

Shift-F10 o il tasto menu della tastiera caricheranno anch’essi il menu contestuale di Windows 10.

Anche la finestra di dialogo di condivisione è stata migliorata in Windows 11.

Windows 11

La condivisione in prossimità è ora molto più semplice da usare, con un facile controllo sulle impostazioni di discoverability in alto e un link ad altre impostazioni nel footer della finestra di dialogo.

Se si usa l’app Posta, la prima voce nella lista dei contatti aiuta a inviare facilmente un’email a sé stessi.

Tutte le app possono ora partecipare alla finestra di dialogo Condivisione come target. Per le app Win32 unpackaged, questo è coperto nello stesso sample del menu contestuale. Anche le PWA installate attraverso Microsoft Edge sono supportate se implementano l’API Web Share Target.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php