Weekend ad alto rischio per la vulnerabilità su Ssl

Le patch annunciate da Microsoft riguradano un rischio di exploit molto alto. La X-Force di Iss teme attacchi seri a breve e invita a correre ai ripari, rivelando le condizioni per un possibile exploit.

16 aprile 2004

Il linguaggio, anche giustamente tecnico, con cui vengono annunciate le patch non sempre consente di capire il lilvello di rischio connesso con il mancato aggiornamento dei sistemi.


Per quanto nell’annuncio di ieri Microsoft ha ammesso un fattore critico, più evidente è la gravità della situazione se si considera che una delle vulnerabilità riguarda la library Ssl.


Questo protocollo si sta diffondendo sempre più rapidamente per la crittografia di transazioni, pagamenti online, trading on line e soluzioni di e-commerce.


I siti che usano Ssl, dunque, non solo sono target molto sensibili, ma rappresentano proprio l’obiettivo ideale degli attacker.


Internet Security Systems (Iss), che, come ha dichiarato il country manager italiano Stefano Volpi, "già dallo scorso settembre aveva individuato alcune di queste vulnerabilità provvedendo a proteggere i propri utenti", ha conseguentemente innalzato il livello di alert dal grado 1 a quello 2 già a partire da ieri, ma lo porterà al grado 3 per tutto il weekend.


A detta dei responsabili di X-Force, il team che funge da security advisor di Iss, ha individuato una possibile condizione d’exploit di tale vulnerabilità, che ritiene possa generare attacchi devastanti con effetti paragonabili a quelli di Blaster e Sql Slammer.


Volpi crede sia doveroso "informare tutti sulle procedure adeguate per proteggere le proprie reti e per cercare di prevenire la diffusione di attacchi".


In particolare, le condizioni individuate da X-Force per lo sfruttamento della vulnerabilità sulla libreria Ssl prevedono che, oltre a quest’ultima, sia contemporaneamente abilitato il protocollo Pct 1.0 per l’handshake dei pacchetti.


È una condizione normale sui sistemi Windows 2000 e Windows Nt e potrebbe consentire di sfruttare come vettori dell’exploit Internet Information Server (Iis), Exchange Server, Active Directory e potenzialmente qualsiasi software che si appoggi alla libreria Ssl.


A peggiorare la situazione, il fatto che i firewall e i sistemi di filtraggio dei pacchetti tradizionali non sono in grado di identificare l’attacco.


Ovviamente, i clienti Iss, come tengono a specificare i responsabili della società, sono già protetti grazie al servizio di update automatico.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here