Webroot – È lo spyware il nemico della produttività

Daniel Mothersdale – Emea marketing director

Secondo recenti dati Gartner (settembre 2006), entro il 2008 circa il 50% delle aziende saranno infettate da spyware. Quasi il 50% delle chiamate all'assistenza tecnica riguardano lo spyware, circa un terzo dei crash di Windows è causato da malware, sono necessarie tra le 2 e le 3 ore per ripristinare il pc colpito.


Come combatterlo? Per gestirne l'impatto e garantire di aver preso le giuste contromisure, è essenziale comprenderne la dinamica e l'evoluzione. È importante, da un lato, disporre di personale tecnico competente e sempre aggiornato, dall'altro sensibilizzare tutti gli utenti, anche quelli non tecnici a un corretto utilizzo dei sistemi informatici. Bisogna poi installare le patch di sicurezza, evitare l'utilizzo di freeware e disattivare i download dei browser. Necessario anche impostare un aggiornamento automatico delle misure di sicurezza adottate: antivirus, anti-spyware, firewall, e così via Telelavoratori e collegamenti in remoto sono soggetti al rischio dello spyware, senza contare che i loro punti di accesso sono quelli che spesso gli hacker sfruttano per inserirsi in un sistema informatico. Per questo è necessario proteggere anche queste macchine, ovunque esse si trovino. Tanti software, poi, offrono protezione anti-spyware nell'ambito di una suite completa. Non sempre però sono realmente efficaci. Per questo è consigliabile implementare una soluzione specifica per la protezione del desktop dallo spyware. E va ricordato che non tutto dipende dalla tecnologia. Non sempre i dipendenti seguono policy corrette in termini di sicurezza, come ad esempio installare software gratuiti provenienti da siti non certificati. Per questo è opportuno definire le competenze e definire chi è abilitato a effettuare determinate operazioni.


Infine, essere sospettosi è il punto più importante. Non bisogna mai pensare di aver installato la soluzione definitiva: un sistema sicuro oggi può diventare insicuro domani. È necessario tenere sempre gli occhi aperti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here