VirtualBox 1.4.0: supporto per Vmare e nuove funzionalità

La nuova versione è in grado di gestire adesso le immagini di macchine virtuali create con i prodotti Vmware.

VirtualBox, soluzione multipiattaforma per la virtualizzazione, cresce
ancora.
La versione 1.4.0 del prodotto opensource, appena resa disponibile,
introduce alcune nuove funzionalità che potrebbero rappresentare una spina nel
fianco per alcune soluzioni commerciali. VirtualBox 1.4.0 è in grado di gestire
adesso le immagini di macchine virtuali create con i prodotti Vmware (formato
.vmdk) e di supportare l'accesso ad unità disco e partizioni "fisiche" ("Raw
Disk support").

Il software, messo a punto da InnoTek e distribuito
sotto licenza GPL ("GNU Public License"; ved. queste notizie), integra anche
un'interfaccia tradotta in italiano ed aggiunge il supporto diretto per nuovi
sistemi operativi quali Linux Xandros 4.1, Red Hat Enterprise 5 e MacOS X
proponendosi come un prodotto estremamente interessante anche per la comunità
degli sviluppatori.
VirtualBox può essere installato sia su macchine Linux
che su piattaforma Windows ed è già in grado di offrire il supporto per un gran
numero di sistemi operativi "guest" tra i quali Windows nelle versioni NT 4.0,
2000, XP, Server 2003 ed addirittura Vista, DOS/Windows 3.x, Linux con kernel
2.4-2.6, OpenBSD.

Alcune immagini relative al funzionamento di
VirtualBox sono reperibili in questa pagina
mentre il prodotto completo nella
versione per Windows è scaricabile da qui. E' possibile invece far riferimento a
questa pagina

per procedere al download delle versioni sviluppate per altri
sistemi operativi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome