Home Digitale Videogiochi: Microsoft acquista ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Videogiochi: Microsoft acquista ZeniMax Media per 7,5 miliardi di dollari

Il settore dei videogiochi rappresenta la forma di intrattenimento più importante e in rapida crescita al mondo, un’industria che si prevede varrà oltre 200 miliardi di dollari nel 2021.

Più di tre miliardi di persone sul pianeta giocano, osserva una nota di Microsoft, che ha annunciato il piano di acquisizione di ZeniMax Media, azienda che possiede lo sviluppatore e publisher di videogiochi, Bethesda Softworks, per 7,5 miliardi di dollari.

Bethesda è autore di videogiochi come The Elder Scrolls e Fallout, e porterà in Xbox il propri portfolio di giochi, tecnologie e know how.

I giochi costituiscono la principale fonte di crescita nel mondo dei videogiochi e alimentano i nuovi servizi di cloud gaming come Xbox Game Pass, che ha raggiunto il nuovo record di oltre 15 milioni di abbonati.

L’industria dei videogiochi sta spostando l’attenzione dai dispositivi ai giocatori dando loro una nuova tecnologia che offre la libertà di giocare ovunque su qualsiasi dispositivo.

Con l’aggiunta di Bethesda, il numero degli studi creativi di Microsoft aumenterà da 15 a 23 e i franchise di Bethesda saranno aggiunti al catalogo di Xbox Game Pass.

Microsoft intende portare i prossimi titoli di Bethesda su Xbox Game Pass il giorno stesso del loro lancio su Xbox o PC.

Con i suoi investimenti in contenuti, nella community e nel cloud, Microsoft si distingue per la sua strategia che mira a permettere ai gamer di giocare ai giochi che preferiscono con chi vogliono e ovunque lo desiderino.

ZeniMax Media, società madre di Bethesda, è stata fondata nel 1999 Robert A. Altman. L’acquisizione pianificata include uffici editoriali e studi di sviluppo in tutto il mondo con oltre 2.300 dipendenti, tra cui Bethesda Softworks, Bethesda Game Studios, id Software, ZeniMax Online Studios, Arkane, MachineGames, Tango Gameworks, Alpha Dog e Roundhouse Studios. I videogiochi di Bethesda più venduti sono The Elder Scrolls, Fallout, Doom, Quake, Wolfenstein e Dishonored.

La transazione è soggetta alle consuete condizioni di chiusura e al completamento della revisione normativa. Microsoft prevede che l’acquisizione si concluda nella seconda metà dell’anno fiscale 2021 e avrà un impatto minimo sul reddito operativo non GAAP negli anni fiscali 2021 e 2022.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php