1,5 miliardi di utenti 5G entro il 2024, secondo GlobalData

5G smartphone TV

Secondo lo studio Mobile 5G Commercialization: Market Demand and Service Revenue Forecast di GlobalData, saranno 1,5 miliardi gli utenti 5G attivi entro il 2024.

Il report della società di analisi indica una forte preponderanza della zona asiatica, con 954 milioni.

Nord America ed Europa avranno numeri molto simili: 254 e 242 milioni di utenti rispettivamente.

Le regioni Medio Oriente, Africa e America Latina saranno più lente nella transizione verso il 5G.

A trainare il successo delle reti di nuova generazione saranno la crescente domanda di banda larga mobile, lo sviluppo dell'industria delle Internet of Things, e la nascita di servizi legati a connettività a bassa latenza.

GlobalData prevede che il giro di affari generato dai servizi mobili 5G raggiunga i 301 miliardi di dollari entro il 2024. Anche in questo caso (e non poteva essere altrimenti) sarà la zona asiatica a giocare il ruolo di leader, con un fatturato previsto in 122 miliardi. Tuttavia, sarà in Nord America che il 5G avrà il maggior peso sul totale del mercato mobile: ben il 45% entro il 2024.

Sia l'Asia che l'Europa avranno analoga ripartizione: le due regioni svilupperanno circa il 31% del giro di affari del mondo mobile in servizi 5G.

Malcolm Rogers, Senior Technology Analyst di GlobalData dichiara: «Sebbene ci sia una grande eccitazione circa il lancio già avvenuto in alcuni mercati, come Corea del Sud, Stati Uniti, Regno Unito ed Emirati Arabi Uniti, il mercato globale 5G vedrà una vera accelerazione durante i prossimi due anni, durante i quali sempre più produttori lanceranno sul mercato nuovi terminali con supporto 5G. Attualmente, tutti gli operatori che hanno a listino servizi 5G possono proporre solo un ristretto numero di device 5G, e di solito solo modelli flagship. Nel momento in cui il mercato sarà popolato anche di proposte di fascia media e a prezzi aggressivi, ci aspettiamo un repentino aumento degli abbonamenti 5G con conseguente aumento dei profitti.»

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome