Un’operazione di immagine, ma non solo

Gennaio 2006, Il 2006 sarà l’anno dell’Italia in Cina. Lo aveva annunciato ufficialmente il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in occasione della sua visita di Stato nel dicembre del 2004. Contemporaneamente il ministro degli Ester …

Gennaio 2006, Il 2006 sarà l'anno dell'Italia in Cina. Lo aveva
annunciato ufficialmente
il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi in occasione della
sua visita di Stato nel dicembre
del 2004.
Contemporaneamente il ministro degli Esteri italiano Gianfranco Fini e
il ministro della Cultura cinese Sun Jiazheng firmarono un memorandum
d'intesa su Italia in Cina 2006, una rassegna che dovrà prevedere
una serie di eventi "eminentemente, ma non soltanto, di natura culturale".

Nel memorandum vengono citati: arti visive (incluse architettura e design),
storia, scienza e tecnologia, artigianato artistico, danza, teatro, musica,
cinema, fotografia, moda, sport, tradizioni popolari e festival, seminari
e simposi, festival culinari e altre manifestazioni.

È il «primo grande appuntamento che abbiamo» ha
sottolineato il presidente Ciampi, è il traguardo di medio termine
per consolidare la credibilità del Sistema Italia. L'anno dell'Italia
in Cina sarà la vetrina della nostra creatività, una straordinaria
opportunità per promuovere il made in Italy e per attrarre flussi
turistici e investimenti. Farnesina, ministero dei Beni culturali, ministero
delle Attività produttive, Ice, Enit, Confindustria e molti altri
attori potranno offrire e vedere valorizzato il proprio contributo.

Italia in Cina 2006 dovrà proporre e armonizzare gli infiniti volti
del nostro Paese, suscitare emozioni, fondere economia e cultura, proiettare
l'immagine di una civiltà millenaria lanciata nel futuro.
L'operazione 2006 dovrà dimostrare che la tecnologia di oggi
è frutto di una storia antica, che tra Leonardo da Vinci
e la Ferrari c'è un lungo cammino d'ingegno e passione,
che il made
in Italy non è solo un marchio d'origine, ma è un'arte
di fare, che viene da lontano.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here