Un nuovo design per il PowerPc

Motorola sta per annunciare una sostanziale riprogettazione dell’architettura del PowerPc, soprattutto per contrastare Intel nel successo ottenuto con la tecnologia Mmx. A tale scopo sarà incorporata la tecnologia AltiVec, a partire già d …

Motorola sta per annunciare una sostanziale riprogettazione
dell'architettura del PowerPc, soprattutto per contrastare Intel nel
successo ottenuto con la tecnologia Mmx. A tale scopo sarà incorporata la
tecnologia AltiVec, a partire già dalla fine del 1998. Essa aggiunge "pipe
"
più grandi e un data engine all'interno del chip, per poter manipolare una
più alta quantità di dati. Le potenzialità applicative si estendono
così al
riconoscimento vocale o ai router che gestiscono il traffico Internet.
Proprio questa estensione verso il networking è il segno maggiormente
distintivo dello sforzo programmato da Motorola, visto che i processori Mmx
ancora non sono in grado di coprire questo genere di settori.
Apple dovrebbe da subito approfittare di questi sviluppi. A breve, infatti,
sono attesi nuovi piani di rilasci, con Macintosh maggiormente dotati di
capacità di gestione delle immagini e dei video.
AltiVec comprende nuove tecnologie hardware e software. Nel primo caso
viene aggiunta una unità di esecuzione nel processore PowerPc, per
migliorarne le capacità di trattamento di certe categorie di dati. La nuov
a
unità opera congiuntamente a quelle per gli interi e la virgola mobile. Su
l
fronte software, il chip potrà usare un totale di 162 nuove istruzione per
manipolare i dati. Con questa tecnologia il numero di blocchi processabili
per ciclo di clock aumenta di sedici volte rispetto al passato.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome