Home Prodotti Networking e TLC Dalla UE 15mila euro ai comuni per installare il WiFi

Dalla UE 15mila euro ai comuni per installare il WiFi

Ai Comuni italiani conviene registrasi subito sul sito Ue per ottenere il finanziamento per installare apparechiature WiFi: a metà maggio partirà la fase di presentazione delle domande e i finanziamenti saranno assegnati sulla base del principio “first come, firse serve“, ossia chi si segna per primo, sarà esaudito.

L’UE adotta questo metodo per non entrare troppo nel merito di valutazione delle singole istanse e procedere a un’operazione che intente svolgere su larga scala.

La Commissione europea ha infatti avviato il sito WiFi4EU, su cui Comuni di tutta Europa sono invitati a registrare i loro dati in vista del primo invito a presentare progetti che sarà pubblicato a metà maggio, per avere così la possibilità di beneficiare del finanziamento UE per costituire punti di accesso Wifi gratuiti in spazi pubblici.

Il programma europeo offre ai Comuni finanziamenti di 15mila euro per installare punti di accesso WiFi in spazi pubblici come biblioteche, musei, parchi pubblici e piazze.

L’iniziativa WiFi4EU contribuisce all’obiettivo di dotare entro il 2020 ogni paese e città europei di un accesso gratuito WiFi nei principali punti di aggregazione pubblica sul territorio

I Comuni possono utilizzare i buoni WiFi4EU per acquistare e installare le apparecchiature WiFi in centri di aggregazione pubblica a loro scelta, mentre i costi di manutenzione della rete saranno a loro carico.

La Commissione europea mette a disposizione una dotazione di 120 milioni di euro dal bilancio dell’UE fino al 2020 per finanziare le apparecchiature necessarie ai servizi WiFi gratuiti pubblici in 8mila Comuni in tutti gli Stati membri e in Norvegia e Islanda.

Come presentare la domanda

Registrazione: dal 20 marzo 2018 registrazione dei Comuni nel sito WiFi4EU.eu.

Presentazione della domanda: a metà maggio, pubblicazione del primo invito e i Comuni registrati potranno presentare la domanda per un primo lotto di mille buoni WiFi4EU (di 15mila euro ciascuno). I buoni saranno distribuiti secondo il principio “primo arrivato, primo servito”.

Assegnazione: garantendo l’equilibrio geografico, la Commissione annuncerà i mille Comuni che beneficeranno di finanziamenti mediante il primo invito.

Ciascun paese partecipante riceverà almeno 15 buoni.

Prossimi due anni: saranno pubblicati altri quattro inviti WiFi4EU.

Le reti finanziate mediante WiFi4EU saranno gratuite, senza pubblicità e senza raccolta di dati personali. Il finanziamento riguarderà solo reti che non duplichino offerte esistenti gratuite, pubbliche o private, di qualità analoga nello stesso spazio pubblico.

A corollario dell’iniziativa, va ricordato che l’UE ha realizzato accordi sull’abolizione delle tariffe di roaming per tutti i viaggiatori nell’UE (dal 15 giugno 2017), sulla portabilità dei contenuti  e sulla liberazione della banda a 700 MHz per lo sviluppo della tecnologia 5G e di nuovi servizi online.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php