Tv mobile, per gli analisti è ok

Al Telco Tv summit di Milano gli analisti sfornano le loro previsioni, positive, sulla trasmissioni via cellulare

3 lancia la sua mobile tv, gli altri seguiranno a breve, e tutti guardano con
apprensione ai primi risultati visto che nessuno ha la certezza che gli
investimenti realizzati si tradurranno nel successo delle operazioni. Per ora si
sa solo che i test hanno dato esito positivo, ma questo non è sufficiente. E poi
ci sono le stime degli analisti che hanno presentato i loro numeri in occasione
del Telco tv summit che si è svolto ieri a Milano.



Secondo Augusto Preta di It Media
Consulting l'arrivo della mobile tv si inserisce in un quadro positivo visto che
a livello europeo negli ultimi dieci anni il consumo di televisione è cresciuto
dell'11,4%. Da 10 a 12 euro mensili è il prezzo che il 20% degli utenti mobili
sarebbe disposto a pagare per la nuova tv che permetterà anche il riutilizzo di
vecchi contenuti. Le stime di Preta parlano del 10% di abbonati europei che
entro il 2010 utilizzeranno la tv sul cellulare che dovrebbe generare
ricavi per 60 milioni di euro nel 2006 e 1,5 miliardi nel 2010.




Fra i 7 e i 15 euro è la soglia di
prezzo
stimata da Roberto Azzano, vicepresidente Anfov, che parla di
193,9 milioni di ricavi entro il 2007 che diventeranno 1000 nel 2010. Sempre
Azzano è convinto che la pubblicità non riuscirà a pagare i canali gratuiti,
l'utilizzo sarà concentrato in momenti del giorno come la mattina presto, l'ora
di pranzo e la sera, mentre per quanto riguarda i contenuti ci sarà bisogno di
canali flessibili al posto di quelli tradizionali. Questo significa che quando
si parla di film sul cellulare si è probabilmente fuori strada e che ci sarà
bisogno di riadattare molto di ciò che è già disponibile per un mezzo diverso
come il cellulare.
E' pensabile che le news consistano in un telegiornale di
mezz'ora?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here