Home Prodotti Sicurezza Torq, la piattaforma no code per l’automazione della sicurezza

Torq, la piattaforma no code per l’automazione della sicurezza

Torq è una piattaforma no code progettata e sviluppata appositamente per la security automation; anzi, con un obiettivo più ambizioso: reinventare l’automazione per i team di sicurezza.

Perché, secondo i fondatori di Torq, l’automazione per la sicurezza è oggi un mondo fatto di promesse non mantenute.

Le piattaforme di Security Orchestration, Automation and Response – sottolinea il team di Torq – sono salite alla ribalta già anni fa, per accelerare il modo in cui i team reagiscono e rispondono agli alert.

E i team di sicurezza hanno effettivamente sperimentato alcuni successi iniziali, nell’automatizzare la risposta alle minacce e iniziare a ridurre l’MTTR.

Ma da allora – mette ancora in evidenza Torq –, i team di sicurezza hanno affrontato una pressione costante per espandere i loro compiti, muoversi più rapidamente e fornire protezione alla velocità dell’innovazione.

Secondo Torq le soluzioni SOAR non sono all’altezza di queste sfide, con servizi professionali che costano quanto la piattaforma, supporto ingegneristico per costruire e mantenere playbook automatizzati, integrazioni e componenti aggiuntivi necessari per estendere le funzionalità.

Tutto questo si aggiunge poi a sistemi lenti e complessi, costruiti – è il punto di vista di Torq – per proteggere il mondo di ieri, non per difendersi dalle minacce di domani.

Ma allora, qual è la risposta di Torq?

Torq automazione sicurezza

L’opinione dei fondatori di Torq è che una soluzione di automazione per i team di sicurezza dovrebbe essere innanzitutto accessibile a chiunque, in qualsiasi security team, indipendentemente dalle competenze tecniche.

Poi, dovrebbe essere facilmente connessa a qualsiasi cosa, ovunque, con la flessibilità e la resilienza per funzionare in qualsiasi ambiente.

Inoltre, dovrebbe essere ricca di contenuti, con template di flussi di lavoro e raccomandazioni che aiutino i clienti a fornire una migliore protezione.

Ed è con questi obiettivi in mente – affermano i fondatori – che è stata costruita Torq, la piattaforma di automazione della sicurezza no code.

Con l’intento di offrire una soluzione che permetta a qualsiasi professionista della sicurezza di connettersi a qualsiasi sistema necessario, di sicurezza o altro, e di costruire facilmente l’automazione che lo aiuti a fornire una migliore protezione.

Non solo per la risposta alle minacce e non solo nel SOC: ma per qualsiasi processo di sicurezza, per qualsiasi team di sicurezza, e ovunque.

Il percorso per reinventare l’automazione della sicurezza è ancora agli inizi. Torq è una startup fondata solo l’anno scorso, ma da esperti del settore. I suoi fondatori avevano dato vita a Luminate Security, acquisita nel 2019 da Symantec.

I primi passi nell’automatizzare le operazioni di sicurezza sembrano promettenti.

Un cliente della piattaforma – ha reso noto Torq – crea in media 17 flussi di lavoro automatizzati entro i primi 30 giorni e aumenta il suo utilizzo di oltre il 200% ogni settimana.

Torq ha poi annunciato di recente un finanziamento di serie B da 50 milioni di dollari guidato da Insight Partners con la partecipazione di SentinelOne, GGV Capital e Bessemer Venture Partners.

Il nuovo finanziamento – ha dichiarato Torq – servirà per continuare ad accelerare la delivery, nonché a rendere la piattaforma più accessibile, più facilmente connessa, più flessibile e più ricca di contenuti.

Con l’obiettivo che Torq diventi il sistema nervoso centrale del moderno stack di sicurezza e realizzi finalmente il sogno di trasformare le operazioni di sicurezza in processi guidati dall’automazione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php