Tipologie organizzative di telelavoro più diffuse

(Fonte Sit)

L'ufficio satellite. Un'impresa può
delocalizzare parte delle proprie attività in aree geograficamente
distanti dalla sede centrale per rispondere a esigenze strategiche (nuovi
mercati), gestionali (riduzione dei costi), operative (struttura più
diffusa e capillare).

La teleimpresa. Un'organizzazione può
offrire a distanza prodotti e servizi utilizzando le tecnologie dell'informazione.
In questo modo la produzione e la fornitura vengono realizzate per clienti
localizzati a distanza, tramite reti di comunicazione.

Il lavoro mobile. In questo caso non esiste
un luogo fisso di lavoro, ma tanti luoghi quante sono le sedi in cui è
possibile svolgere determinate attività. Gli addetti possono comunicare
con la sede centrale dal luogo di svolgimento dell'attività (sede
dei clienti) o da altri luoghi (abitazione, albergo, ufficio di appoggio
ecc.).

Il centro di lavoro comunitario o telecentro.
Si tratta di una struttura di lavoro fornita di un'ampia gamma di tecnologie
per la comunicazione a distanza, con una serie di servizi qualificati
di assistenza e di supporto agli utenti. La struttura e i servizi vengono
messi a disposizione di più utilizzatori: impiegati appartenenti
a imprese diverse, lavoratori autonomi, professionisti, piccoli imprenditori.

I centri di quartiere. I centri comunitari possono
essere localizzati in zone di residenza, sia per ridurre i costi e i tempi
di spostamento nei tragitti casa-lavoro-casa, sia per conciliare alcune
esigenze individuali con quelle della vita di lavoro (come nel caso della
cura dei figli).

Il telelavoro a domicilio. Si tratta di una
soluzione che realizza una nuova ricomposizione tra momenti e luoghi deputati
alle diverse attività della vita quotidiana. Può essere
realizzato sia da lavoratori dipendenti per un'azienda, sia da lavoratori
autonomi per più clienti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here