Telefoni cellulari: una partita a sei

Secondo Gartner, il mercato dei telefoni cellulari continua a essere dominato da sei big player. Perdono sempre più peso i piccoli.

Alla soglia del miliardo di unità. Questa, in sintesi estrema, la
rilevazione di Gartner sul mercato mondiale dei telefoni cellulari nel 2006.


Secondo la società di ricerca, nei dodici mesi del
2006 le vendite mondiali di telefonini hanno raggiunto il tetto dei 990,8
milioni di unità, in crescita del 21,3% rispetto al 2005.


Per quanto riguarda invece l'ultimo trimestre dell'anno, si
parla di 284,2 milioni di unità, in crescita del 21% rispetto al pari periodo
dell'anno precedente.


Secondo Gartner, non si
registrano particolari novità nelle tendenze in atto. Di fatto si confermano
tutti gli indicatori evidenziati nei mesi precedenti. Evidente, tuttavia, è la
costante perdita di peso specifico dei produttori più piccoli, che oggi non
rappresentano più del 14% dell'intero mercato, in mano ai primi sei produttori.



Quanto alla classifica, resta indiscussa le
leadership di Nokia, che con 102,791 milioni di unità vendute si aggiudica la
prima posizone con il 36,2% di share.


Motorola, al
secondo posto con poco più di 61 milioni pezzi, si aggiudica il 21,5% di market
share, con un buon recupero rispetto al 17,8% del pari periodo dell'anno
precedente.


Terzo posto con Samsung, con 32 milioni
di unità e l'11,3% di market share, mentre Sony Ericsson arriva a 25,666 milioni
di unità, pari a una share del 9%, con un interessante balzo in avanti rispetto
alle 16,118 milioni del quarto trimestre 2005.


Quinta posizione per LG, con 17,8 milioni di pezzi e una
share del 6,3%, mentre al sesto posto vale la pena segnalare Sagem con 4,3
milioni di pezzi e una share dell'1,5%.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome