Home Prodotti Hardware Supercomputer HPE Cray, il supercalcolo si mette al centro del business

Supercomputer HPE Cray, il supercalcolo si mette al centro del business

Dopo l’acquisizione da 1,3 miliardi di dollari di Cray da parte di Hewlett Packard Enterprise di oltre un anno fa, ad agosto è stata varata la prima linea di supercomputer HPE Cray, che riunisce le migliori capacità di due nomi storici del settore tecnologico dell’high performance computing.

I supercomputer HPE Cray, infatti, si basano su una serie di tecnologie HPE e Cray (incluse alcune di Hewlett Packard Labs) che includono nuove funzionalità dell’architettura Shasta di Cray, che sono in fase di sviluppo per i primi tre sistemi exascale statunitensi.

Man mano che queste nuove funzionalità verranno prodotte, appariranno prima nella linea di supercalcolo HPE Cray e quindi saranno supportate in modo più ampio in vari prodotti e offerte HPE.

In questo momento, HPE offre un portafoglio completo di tecnologia, servizi e software di supercalcolo a tutti i clienti, dall’azienda all’exascale.

Come spiega Peter Ungaro, che prima di entrare in HPE nel 2019 è stato Presidente e CEO di Cray per 14 anni, quella che viene definita la nuova era exascale è completamente diversa da quella dell’informatica che l’ha preceduta: “Non si tratta di supercomputer singoli e giganteschi o di tecnologie specifiche e uniche. Questa nuova era è nata dalla massiccia crescita dei dati e dalla necessità di un uso convergente di modellazione e simulazione con intelligenza artificiale e analisi nelle applicazioni e nei carichi di lavoro per potenziare la trasformazione digitale nelle aziende. Comprende una serie di nuovi requisiti sia per la ricerca che per le istituzioni commerciali. E fornirà approfondimenti e innovazione su una scala mai vista prima“.

Il cabinet del supercomputer EX di HPE Cray

Considerati gli attuali eventi mondiali, il completamento di questa integrazione non potrebbe essere più tempestivo, osserva Ungaro in un blog post sul sito di HPE. “Oggi – dice Ungaro – i modelli di business e le esperienze dei clienti devono essere riscritti per dare adito a un’economia con minore impatto fisico. La necessità di avere industrie e catene di approvvigionamento sostenibili non è mai stata così importante. E innumerevoli vite e mezzi di sussistenza dipendono dai risultati della ricerca sui farmaci a un livello forse mai visto dallo sviluppo del vaccino antipolio 65 anni fa“.

Sebbene il supercalcolo di per sé non possa rispondere a queste sfide, accelera però il processo consentendo a creatori e innovatori di disporre dei migliori strumenti di modellazione, simulazione, analisi e intelligenza artificiale disponibili per trasformare il modo in cui viviamo e lavoriamo.

Ungaro cita il ceo di HPE, Antonio Neri, dicendo che tiamo entrando nell’età dell’insight, una nuova era definita da intuizioni e scoperte a beneficio di tutti e che elevano il maggiore benessere di ogni essere umano sul pianeta.

Supercomputer HPE Cray EX, il valore del blade

La chiave della flessibilità del cabinet del supercomputer HPE Cray EX è l’architettura blace sia per l’elaborazione che per networking. Consente la miscelazione e l’abbinamento di varie tecnologie CPU e GPU e forisce un percorso di aggiornamento diretto ai processori e all’interconnessione di nuova generazione capacità.

La compatibilità fisica, di software e di rete, di blade, CPU e GPU consente di posticipare le decisioni sulla scelta della piattaforma di elaborazione

Il cabinet del supercomputer HPE Cray EX

Lo chassis di elaborazione ospita fino a otto unità blade di calcolo. Ogni cabinet HPE Cray EX contiene otto chassis di elaborazione, consentendo fino a 64 blade di elaborazione e fino a 512 processori per cabinet. I blade di calcolo sono allineati verticalmente e inserito nello chassis di elaborazione dalla parte anteriore del cabinet.

Il compute blade è il modulo che comprende lo chassis di elaborazione gli elementi di elaborazione HPE Cray EX: CPU, connessioni fabric, circuiti stampati e componenti di raffreddamento e di potenza. Il blade di calcolo iniziale contiene quattro dual-socket
Nodi AMD EPYC 7002.

Lo switch chassis è un gruppo meccanico, che ospita fino a otto blade switch di interconnessione HPE Slingshot. Ogni cabinet HPE Cray EX contiene otto Chassis di switch HPE Slingshot, che abilitano fino a 64 switch per cabinet. Le lame dello switch sono allineate orizzontalmente e vengono inseriti nello chassis dell’interruttore dalla parte posteriore dell’armadio.

Lo switch blade contiene il silicio per il fabric switch HPE Slingshot, schede a circuiti stampati con connessioni per blade di elaborazione e tutti i componenti necessari per il raffreddamento ed energia. HPE Cray EX supporta fino a otto switch blade per abilitazione dello chassis dello switch e fino a 16 connessioni fabric per blade di calcolo.

Ogni cabinet contiene otto chassis di elaborazione e otto chassis di switch. Lo switch blade è raffreddato direttamente a liquido così come le porte dell’interruttore, che
dissipano un calore significativo quando vengono utilizzati cavi ottici. Lo chassis di elaborazione tiene fino a otto blade, così come lo switch chassis può contenere fino a otto blade switch.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php