StorageTek ha annunciato una nuova strategia per lo storage.

"The Power to get more Done". Con questo motto si è aperta la conferenza Eurostorage che la casa di Louisville ha organizzato a Berlino in collaborazione con co-sponsor come Hp, Legato, Siemens e Veritas, per fare il punto sulle esigen

"The Power to get more Done".
Con questo motto si è aperta la conferenza Eurostorage che la casa di
Louisville ha organizzato a Berlino in collaborazione con co-sponsor come
Hp, Legato, Siemens e Veritas, per fare il punto sulle esigenze del mercato
dello Enterprise Storage alla luce della vertiginosa evoluzione del
"network computing". Partendo dalla constatazione che oggi lo storage
assorbe oltre un terzo del budget It delle aziende, Storagetek posiziona
ora la propria offerta con prodotti e servizi volti a ottimizzare il
ritorno di questi investimenti. Per annunciare questa strategia, ha scelto
di organizzare una conferenza a livello europeo con la partecipazione di
oltre 600 clienti.
Nella città e nel giorno della inaugurazione della nuova capitale della
Germania Federale e del nuovo Bundestag, Stk ha annunciato (per la prima
volta nella propria storia in Europa prima che negli Usa) nuove soluzioni
per il mercato dei dischi sul mercato enterprise con particolare attenzione
a quelle di "Storage Area Network". L'offerta si basa sul prodotto 9393
Shared Virtual Array (Sva), che a propria volta nasce dalla evoluzione del
(ben noto) Iceberg, e supporta anche con il corredo di software Vista
(Virtual Intelligent Storage Architecture), server mainframe e Unix in
ambienti enterprise estendendo il concetto ed i benefici del disco virtuale
alle applicazioni enterprise di classe open-system.
Nel presentare le ragioni che hanno portato StorageTek a creare la
piattaforma Sva, Victor Perez, Chief Operating Officer di Stk, ricordava
che oggi si contano oltre 160 milioni di utenti Web, i quali contribuiscono
a rendere la informazione uno degli asset piu=92 importanti per le aziende
quando assistito da adeguate strutture di comunicazioni per disseminare
queste informazioni. La constatazione che i dischi tradizionali stanno
diventando troppo costosi ha determinato la strategia Stk di realizzare
soluzioni hardware e software aperte, integrate ed intelligenti che
consentano di limitare l'impegno di capitale con l'impiego di "Shared
Virtual Technology".
Roger Archibald, Vice President e General Manager dell'Enterprise Business
Group, ha illustrato come, con la Shared Virtual Technology, StorageTek
abbia realizzato la Shared Virtual Array 9393-4 e la possibilità di
connessione Scsi per Sun Solaris, Hp-Ux e Ibm Aix. A supporto di Sva,
inoltre, i prodotti software Hdsm (High Speed Data Mover, sviluppato in
collaborazione con Innovation Data Processing,Inc.) dimezza il tempo
richiesto per trasferire dati tra dischi e nastri, Tdmf (Transparent Data
Migration Facility sviluppato in collaborazione con Amdahl) assiste la
migrazione di dati verso Sva e Pprc (Peer to Peer Remote Copy) per
effettuare copie di dati senza il coinvolgimento di host. Se con questa
suite di prodotti Tra le direzioni strategiche presentate da Archibald per
il 1999 vi è l'intento di fornire prodotti software per la gestione da un
unico punto ambienti Os/390 e Unix , estendendo i benefici
dell=92architettura virtuale agli ambienti open.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here