Home Prodotti Storage Lo storage nel cloud di HPE diventa più semplice per le Pmi

Lo storage nel cloud di HPE diventa più semplice per le Pmi

Hewlett Packard Enterprise ha rilasciato la nuova generazione di storage entry-level hybrid-flash, gli HPE Modular Smart Array, MSA Gen 6, soluzione che offre prestazioni e automazione in linea con le capacità di spesa delle Pmi.

Gli aggiornamenti apportati ad HPE MSA includono il tiering automatico per un accesso più rapido ai dati, un migliorato strumento MSA Health Check che elimina le cause più comuni di downtime e l’integrazione con HPE Cloud Volumes Backup per il backup cloud e l’archiviazione dei dati.

Le nuove funzionalità di storage per Pmi

L’hands-free tiering propone un’efficienza del workload con prestazioni migliorate e latenze inferiori. La caratteristica, spiega HPE, aumenta le prestazioni fornite di 2-4 volte rispetto alle configurazioni di soli hard disk drive e consente all’array di rispondere ai cambiamenti dei carichi di lavoro utilizzando una piccola quantità di unità a stato solido (SSD). Si tratta di una caratteristica di storage che sposta i dati più utilizzati sui supporti più veloci in tempo reale, consentendo ai clienti di massimizzare più efficacemente le prestazioni degli SSD e la capacità degli HDD in base alle esigenze del workload.

Un nuovo livello di protezione dei dati in-array con il nuovo MSA Data Protection Plus (MSA DP+) si estende a tutte le unità ed elimina i ricambi degli HDD inattivi per migliorare l’efficienza e le prestazioni complessive del sistema. In caso di guasto di uno storage, MSA DP+ velocizzerebbe i tempi di ricostruzione di 25x, minimizzando il tempo in cui l’array si trovava in uno stato di deterioramento o di vulnerabilità.

È stato migliorato lo strumento MSA Health Check destinato a eliminare le cause comuni dei tempi di fermo macchina. I dati mostrano che il 76% delle chiamate di supporto HPE MSA saranno eliminate per i clienti che utilizzano la funzionalità MSA Health Check in modo proattivo. Lo strumento cloud riduce i costi amministrativi locali grazie alla ricerca di problemi noti nei dati dei sensori e al rispetto delle best practice, migliorando la user experience e massimizzando la disponibilità.

L’integrazione con HPE Cloud Volumes Backup fornisce ai clienti un percorso semplice verso la protezione dei dati basata sul cloud, risparmiando al contempo su un dispositivo di backup separato. Le Pmi possono iniziare immediatamente il backup nel cloud con HPE Cloud Volumes Backup, servizio integrato di backup nel cloud aziendale che utilizza HPE Recover Manager Central, senza modificare i workload di backup esistenti. I servizi cloud HPE Cloud Volumes Backup sono disponibili anche attraverso HPE GreenLake.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php