Home Digitale STEMinthecity 2021, a Milano si incontrano digitale e sostenibilità

STEMinthecity 2021, a Milano si incontrano digitale e sostenibilità

Roberta Cocco, Assessora alla Trasformazione digitale e Servizi Civici, ha presentato la nuova edizione di #STEMintheCity, l’iniziativa del Comune di Milano promossa in collaborazione con importanti realtà del settore pubblico e privato e il sostegno delle Nazioni Unite, per diffondere la cultura delle STEM (science, technology, engineering, mathematics), per rimuovere gli stereotipi culturali che allontanano le ragazze dai percorsi di studio nelle materie tecnico-scientifiche.

Roberta Cocco, Assessora alla Trasformazione digitale e Servizi Civici del Comune di Milano

Giunta alla quinta edizione, e oramai diventata STEMA, con l’aggiunta dell’A di Arts, l’iniziativa si svolgerà durante tutto il mese di aprile, Il Mese delle STEM, e culminerà nella Maratona delle STEM nei giorni 21-22-23 aprile.

Saranno tre gli ambiti di formazione durante il mese: Stem & Digital, Sostenibilità, People, e le audience riguardano tutto il percorso scolastico, dalle scuole dell’obbligo alle università.

Il digitale, già cardine dell’edizione 2020, continua a essere l’elemento principale della nuova edizione STEMintheCity 2021, attraverso la piattaforma che offrirà un palinsesto di contenuti di formazione, eventi in live streaming, webinar on demand, testimonianze ed esperienze digitali inedite.

Cultura STEM da un lato e prassi a favore della diversity&inclusion dall’altro, rappresentano le basi e le opportunità irrinunciabili per il futuro dei giovani.
In particolare l’iniziativa si pone l’obiettivo di dare voce alle tematiche ambientali per dimostrare quanto scienza e tecnologia siano in grado di sostenere il futuro delle nuove generazioni.

Da qui il titolo di quest’anno: Naturalmente STEM. Per un futuro sostenibile e digitale. Sempre più, scienza e tecnologia sono infatti chiamate a fornire risposte a queste nuove tematiche globali.

Per candidare il proprio progetto

L’iniziativa di quest’anno vuole lasciare un’eredità anche fisica, che si concretizzerà nel piantare un albero: i boschi delle Stem, con  Università Bicocca, WeTree, Forestami. Simbolicamente, ogni classe che parteciperà a #STEMintheCity pianterà un albero.

Le posizioni dei sostenitori di #STEMinthecity

Giovanna Iannantuoni rettrice Università statale Milano Bicocca, sottolinea che il futuro è lavorare a una ricerca scientifica per il rispetto del pianeta. La Prorettrice vicario del Politecnico di Milano, Donatella Sciuto, invoca un cambiamento culturale rispetto al pre.pandemia, per la creazione della nuova generazione di cittadini: “nella misura in cui sapremo garantire il diritto allo studio”. La ripresa avverrà grazie alle tecnologie verdi e la scienza dei dati ma dovranno essere implementate senza differenze di genere alcune.

Adecco Group metterà a disposizione di #STEMintheCity la propria piattaforma digitale immersiva che serve a misurare competenze e background e indica un livello di occupabilità attuale, su cui la persona può intervenire: “un’iniziativa di consapevolezza sociale“, l’ha definita Andrea Malacrida, Country manager di The Adecco Group.

E se per Paola Mascaro, presidente di Valore D con l’iniziativa STEminthecitybisogna aiutare la scelta con una nuova narrativa, per Annamaria Bonardo, Dirigente scolastica, IIS Galilei – Luxemburg l’auspicio è che nelle classi ci sia una percentuale sempre più alta di ragazze.

Lo studente Jacopo Rangone ha presentato Pc4you.tech, un’iniziativa no profit che raccoglie e distribuisce dispositivi informatici alle famiglie che non hanno i mezzi per sostenere la didattica a distanza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php