#StartupSurvey, la prima indagine qualitativa sulle startup innovative

saldo imprese donna manager

#StartupSurvey è la prima indagine nazionale sulle startup innovative. Condotta dall’Istat insieme con il Ministero dello sviluppo Economico, punta a incrementare il patrimonio informativo a disposizione del legislatore, fornendo una solida base dati per orientare futuri interventi di policy a favore di startup innovative ospitate presso un incubatore d’impresa certificato.

#StartupSurvey nasce dall’esigenza di rilevare alcuni elementi del mondo startup ulteriori rispetto ai dati già a disposizione dell’Amministrazione – e dei cittadini, in quanto liberamente accessibili – ossia quelli della sezione speciale del Registro delle Imprese. Seppur estensivi, e settimanalmente aggiornati, i dati catturano essenzialmente gli aspetti quantitativi del fenomeno, legati principalmente alle caratteristiche oggettive, quantificabili delle imprese: numero di startup avviate, di personale coinvolto, valore della produzione generato, distribuzione geografica e settoriale.

La survey indaga invece principalmente aspetti qualitativi, spesso afferenti ad aspetti più soggettivi delle attività, di particolare interesse dal punto sociologico è culturale, che consentiranno di effettuare analisi più approfondite e diversificate.

La survey, compilabile online sul portale Istat Imprese, si articola in quattro sezioni tematiche. La prima è capitale umano e mobilità sociale: i quesiti riguardano il background lavorativo, di istruzione e familiare di chi fa startup. Tali informazioni sono necessarie alla comprensione del contesto sociale, delle competenze e delle motivazioni di chi avvia una nuova impresa innovativa; Modalità di finanziamento: i quesiti sono volti a far emergere quali sono le soluzioni adottate dalle startup innovative per far fronte alle loro necessità di approvvigionamento finanziario e quali strumenti prediligano (mercato dell’investimento in capitale di rischio, canale creditizio, forme innovative come l’equity crowdfunding); Innovazione: all’imprenditore è richiesto di dare una qualificazione alla tipologia di innovazione (es. di prodotto o di processo, radicale o incrementale) perseguita dalla startup, e quali siano le strategie intraprese per proteggere tale innovazione e portarla sul mercato; Conoscenza e soddisfazione sulla policy: l’intento è creare una dinamica partecipativa tra amministrazione e beneficiari, cui viene richiesto di esprimere il proprio livello di conoscenza, interesse e soddisfazione verso le misure offerte e di presentare eventuali proposte di miglioramento.

Le startup hanno 45 giorni di tempo per completare il questionario (termine ultimo, 27 maggio). I risultati saranno poi oggetto di un rapporto pubblico, e i dati, anonimizzati, saranno resi utilizzabili da terzi per analisi indipendenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here