Soru vuole il WiMax. In fretta

Il governatore sardo intende portare la banda larga anche nei comuni sotto i duemila abitanti. E intanto completa la rete regionale

La Sardegna che ha dato i natali a Tiscali non vuole essere tagliata fuori
dalla banda larga. Tanto più ora che il governatore è quel Renato Soru fondatore
del provider che ha infiammato il periodo della new economy. Per questo Soru ha
incontrato il ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni con l'obiettivo di
accelerare l'arrivo del Wimax sull'isola. L'accordo raggiunto da Gentiloni con
il ministero della Difesa relativamente alle frequenze dovrebbe permettere entro
giugno di assegnare le prime licenze. Ma Soru ha fretta.


"Nei comuni con una popolazione inferiore ai duemila
abitanti
- ha dichiarato il governatore sardo - la rete a fibra ottica
sarebbe un investimento costoso e con tempi lunghi, ma da giugno 2007 alcune
frequenze in uso ai militari saranno rese disponibili per il WiMax, per aziende
ed enti locali. Per questo stiamo predisponendo un bando da sette milioni di
euro come contributo alle imprese per portare la Adsl nei piccoli paesi
attraverso questa nuova tecnologia senza fili"
.



Nessun problema invece per gli
uffici
della Regione e degli Enti intermedi dell'isola on line grazie
all'ultimazione dei punti di accesso della Rete telematica regionale. In meno di
sei mesi stata completatala rete con i punti di accesso previsti in tutte le
otto province della Sardegna. Alle cinquanta strutture periferiche della
Regione collegate nei mesi scorsi, infatti, si aggiungono ora anche altre 128
sedi, tra queste tutti i 53 uffici della Forestale, cinquanta delle Asl, i
nuovi Enti regionali, quali l'Area, che ha sostituito gli ex Iacp, l'Arpas e le
sedi dell'Ersat. L'intervento, complessivo per la Regione è stato di circa dieci
milioni di euro. I lavori per la realizzazione delle rete Telematica, con il
collegamento dell'anello di rete in fibra ottica, avevano preso il via nel
gennaio 2006.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here