Sono 21 milioni le Pmi presenti nell’Ue

19,2 sono aziende con meno di dieci dipendenti. Mediamente creano più valore, ma non più occupazione. Secondo una relazione della Commissione europea il clima economico compromette i loro risultati.

La Commissione europea ha presentato la sua
relazione relativa alle piccole e medie imprese per il 2010, "Le Pmi
dell'Ue stanno uscendo dalla crisi?
", in cui sono comprese indagini
per ogni Stato membro.

Nel 2010 c'erano quasi 20,8 milioni di Pmi
nell'economia commerciale non finanziaria dell'Unione europea, di cui 19,2
milioni
erano microimprese con meno di dieci dipendenti.

Complessivamente, le Pmi hanno fornito oltre i
due terzi (87,5 milioni) di tutte le opportunità di lavoro nel settore privato
dell'Ue e il 58,4% del valore aggiunto lordo totale, rispetto alle 43.000
grandi imprese, che rappresentano solo lo 0,2% delle aziende Ue.

Si prevede che nel 2011 il numero delle Pmi
aumenti dello 0,9%
e il loro valore aggiunto lordo del 3,9%.

Dopo un calo biennale il numero dei loro occupati
dovrebbe crescere dello 0,4%.

La crisi non è tuttavia superata e le Pmi devono
ancora operare in un clima economico incerto.

Per Antonio Tajani, vicepresidente e
commissario europeo per l'Industria e l'imprenditoria, "Il fatto che la
ripresa nel 2010 sia stata guidata dalle Pmi evidenzia la loro importanza per
la crescita e l'occupazione
(…) L'Europa ha bisogno di nuovi
imprenditori innovativi e creativi pronti a correre rischi. Questa è la strada
principale per la ripresa
".

Dopo la diminuzione del 6,4% del 2009, il valore
aggiunto lordo combinato
(Val) delle Pmi è aumentato del 3,4% nel 2010 (a
cui si aggiunge una crescita stimata del 3,7% nel 2011), ma l'occupazione non è
andata di pari passo.

La tendenza al ribasso nel numero di occupati
iniziata nel 2009 (-2,7%) ha conosciuto un rallentamento nel 2010 (-0,9%), si
stima tuttavia che abbia comunque prodotto una perdita netta di oltre 823.000
posti di lavoro nell'Ue.

Le microimprese sono state colpite dalla
recessione meno duramente delle aziende medio-piccole, tuttavia la loro ripresa
è stata più lenta.

Per settore industriale le Pmi hanno
primeggiato per quanto riguarda il Val e l'occupazione nei comparti edilizia,
commercio all'ingrosso e al dettaglio, settore alberghiero, ristorazione e
immobili, noleggio e servizi alle imprese.

Tre gruppi di Val

La valutazione dei risultati delle attività delle
Pmi per il 2010 ha identificato tre gruppi.

Queallo dei paesi in cui le Pmi hanno registrato
un tasso di crescita positivo sia in termini di Val, sia in termini di
occupazione, comprende Austria, Germania, Lussemburgo, Malta, Romania, Svezia e
Regno Unito.

Il gruppo dei paesi in cui le Pmi hanno
registrato un tasso di crescita negativo sia per quanto riguarda il Val
sia per l'occupazione, comprende Grecia, Irlanda, Spagna, Lettonia e Lituania.

Infine, il gruppo dei paesi in cui le Pmi hanno
ottenuto un tasso di crescita positivo in termini di Val, ma un tasso negativo
in termini di occupazione, comprende, oltre all'Italia, Belgio,
Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Francia, Cipro, Ungheria, Paesi
Bassi, Polonia, Portogallo, Slovenia, Slovacchia e Finlandia.

Qui la
valutazione completa dei risultati delle attività delle Pmi
.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here