A colloquio con Flavio Polato, Business Development Team Manager della divisione B2B. Un nuovo focus per la società, che punta a raddoppiare il peso del business sul suo giro d’affari.

Decisamente ambiziosa: così può essere definita oggi la strategia di Samsung nel mercato business.
La società, che in questi anni è riuscita a consolidare e rafforzare in modo molto evidente la sua posizione nel mondo consumer, ha oggi puntato i riflettori verso il fronte business to business, con obiettivi non trascurabili.

"Il business plan presentato dalla società - racconta Flavio Polato, Business Development Team Manager della divisione B2B in Samsung Itala  - la visione di  medio periodo della società, da qui al 2020, punta a spostare decisamente il bilanciamento tra consumer e business. E se oggi il rapporto tra le due linee di attività si gioca su un 80 a 20, entro i prossimi anni dovrà spostarsi verso un più equilibrato 60 a 40".
Tutto questo, va da sé, in un'ottica di business incrementale e non di semplice spostamento dei focus strategici.

"Il punto di forza è la nostra capacità progettuale: Samsung investe il 5 per cento del suo fatturato in ricerca e sviluppo e ritengo che sia per noi un punto differenziate, potendo agire controllando tutta la filiera".

Fondamentale, in questo approccio, sarà l'apporto e il contributo dei partner di canale, con i quali Samsung indirizza tutti i classici mercati del mondo business: dalle banche alle assicurazioni, dal manifatturiero ai servizi e alle utilities.
Parimenti, fondamentale darà anche l'approccio: "Da una strategia fortemente orientata ai servizi, oggi Samsung si sposta verso il mondo delle soluzioni, con una proposta di soluzioni verticali per mercati verticali".

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here