Home Digitale Solidarietà digitale alle persone in quarantena nelle zone rosse

Solidarietà digitale alle persone in quarantena nelle zone rosse

Amazon Prime, Connexia, Cisco, Eolo, Fastweb, Gruppo Gedi, Ibm, Italiaonline, Microsoft, Mondadori, Vodafone, Weschool e Wind sono le aziende hanno risposto all’appello alla solidarietà digitale lanciato dalla Ministra per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione Paola Pisano per consentire la continuità lavorativa ed educativa nelle zone italiane sottoposte a restrizioni a seguito dell’epidemia di coronavirus.

Le aziende si sono offerte di mettere a disposizione gratuitamente dei cittadini che stanno subendo limitazioni a causa dell’emergenza Coronavirus, perché residenti nelle aree rosse, soluzioni tecnologiche che permettano di continuare a lavorare in digitale, a informarsi, a esprimere la propria socialità, a svagarsi e, per i più giovani, a formarsi e istruirsi.

Che siate una multinazionale o una partecipata pubblica, una startup, una piccola o media impresa, un’associazione di volontari o semplicemente degli appassionati di digitale e tecnologia, se pensate di disporre di una soluzione, di un servizio capace di fare la differenza, di dare una mano a garantire a chi vive nelle aree in quarantena un quotidiano sostenibile, fatevi avanti“, aveva dichiarato Pisano.

Paola Pisano
Il Ministro per l’Innovazione Paola Pisano

Una nota del ministero dell’Innovazione riporta che Cisco e Microsoft metteranno a disposizione soluzioni IT per lo smart working e la video connessione a distanza, Vodafone offrirà servizi di connessione, il Gruppo Gedi, abbonamenti ai propri quotidiani in digitale, Mondadori conferirà ebook, Weschool piattaforme per l’apprendimento e lo studio a distanza, Netflix e Amazon accessi alle loro piattaforme di intrattenimento.

L’appello per la solidarietà digitale, lanciato dal Ministro per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione ha l’obiettivo di invitare soggetti privati e pubblici a dare il loro contributo ed essere a fianco delle persone colpite dall’emergenza del coronavirus, attraverso l’uso di servizi e soluzioni innovative.

Come contribuire alla solidarietà digitale

L’appello è rivolto a tutti: aziende dell’ICT, enti pubblici e privati, piccole e medie imprese, startup, centri di ricerca e privati cittadini, di mettere a disposizione dei cittadini e delle imprese più colpiti dall’emergenza del Coronavirus i propri servizi, le proprie competenze e la propria energia.

Chiunque può aderire all’iniziativa scrivendo a repubblicadigitale@teamdigitale.governo.it. Nella propria candidatura è necessario descrivere il proprio servizio; spiegare le modalità e tempistiche di applicazione in uno dei due ambiti proposti; manifestare l’intenzione di porre il servizio in questione a disposizione della popolazione o delle autorità per il tempo necessario.

Le iniziative, i servizi e le soluzioni dovranno avere il comune obiettivo di migliorare la vita delle persone che in questo momento si vedono costrette a cambiare le loro abitudini di vita. L’idea è di usare le tecnologie per aiutare le persone nella sfera personale e lavorativa, permettendo loro di lavorare da remoto, attraverso connettività rapida e gratuita e l’utilizzo di piattaforme di smart working avanzate; leggere gratuitamente un giornale anche senza andare in edicola o un libro senza andare in libreria, utilizzando  smartphone o tablet; restare al passo con i percorsi scolastici e di formazione, grazie a piattaforme di e-learning.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php