Software libero, per legge?

“Norme in materia di pluralismo informatico sull’adozione e la diffusione del software libero e sulla portabilità dei documenti informatici nella Pubblica Amministrazione”. E’ questo il titolo di un Ddl presentato recentemente e che ha come oggetto l’utilizzo di free software nella Pa

Su iniziativa dei Verdi è stato recentemente presentato un Ddl (primo firmatario il senatore Fiorello Cortina) con cui si chiede al Parlamento di definire le "Norme in materia di pluralismo informatico sull'adozione e la diffusione del software libero e sulla portabilità dei documenti informatici nella Pubblica Amministrazione".
Non sfugge, infatti, ai proponenti che ormai esistono sistemi operativi che coprono in pratica tutte le necessità informatiche, il più noto è Linux, e che sono disponibili vari applicativi, client e server come Open Office, Apache, Gimp, Perl e Python, per cui ormai esiste un free software alternativo (quasi) ogni applicazione in versione proprietaria.
Perché il Parlamento dovrebbe fare questa scelta?
I sottoscrittori del Ddl sottolineano che mentre il software libero offre tre importanti garanzie, vale a dire è sicuro (poiché non esistono così tanti virus per Linux come per Windows), economico (il free software è distribuito gratuitamente) e stabile, esprimono molti dubbi sull'opportunità dell'uso del software proprietario, innanzi tutto perché la sua adozione pone limiti (gli utenti non possono modificarlo o distribuirlo gratuitamente), in secondo luogo perché, non essendo disponibile il codice sorgente, non vi è certezza che il sistema offra sufficiente protezione per i dati sensibili che la Pa tratta abitualmente.
Chi può garantire, si chiedono i proponenti del ddl, che parte dei dati non possa essere letta in automatico dalla fonte proprietaria del sw e redistribuita, magari verso fonti di business legate all'argomento? Basta pensare ai rischi connessi alla tutela dei dati sulla sanità e a quale potrebbe essere l'interesse delle case farmaceutiche piuttosto che assicurative, per intuire quanto l'argomento merita l'attenzione del legislatore.
E, in effetti, un certo interesse comincia a manifestarsi, poiché, come ha riferito il senatore Cortiana, proprio in questi giorni si è costituito un "Intergruppo per l'Innovazione Tecnologica e la Cittadinanza Telematica", che ha già raccolto l'adesione di 50 parlamentari appartenenti alle diverse rappresentanze politiche e che presto prenderà in esame il ddl predisposto dai Verdi per chiedere alla Conferenza dei Capigruppo di assegnarne l'esame alle Commissioni deliberanti, affinché possa essere discusso e approvato senza dibattito in aula. Una sorta di "corsia preferenziale" che può portare ad un esito positivo in poco tempo.
L'iniziativa, ha ricordato ancora Cortiana, è stata proposta anche all'attenzione del Ministro per l'Innovazione, Lucio Stanca che si è dimostrato interessato al Ddl, forse anche perché sono molte le voci di aziende e associazioni che già si sono espresse in suo appoggio, come Ibm, FinMatica, Linux User Group, Comunicando, Software Libero.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here