Home Cloud Slash GraphQL, il servizio gestito che fa creare backend GraphQL

Slash GraphQL, il servizio gestito che fa creare backend GraphQL

Dgraph ha svelato la sua nuova soluzione cloud Slash GraphQL, un servizio backend GraphQL completamente gestito per la creazione di app GraphQL.

GraphQL è un linguaggio open source di query sui dati per le API e un runtime lato server per l’esecuzione delle query sui dati esistenti.

Dgraph è la società sviluppatrice di una soluzione database nativa GraphQL e open source, scalabile, distribuita, altamente disponibile e ad alte prestazioni.

La soluzione Dgraph self-managed è da eseguire nel proprio cloud o in ambienti on-premise ed è disponibile nella versione open source e con una licenza Enterprise che include, tra le altre cose, onboarding e supporto.

Ora l’azienda ha lanciato anche Slash GraphQL come backend as a service fully managed.

GraphQL

La nuova offerta rende infatti possibile creare un backend GraphQL con un semplice clic. Dato uno schema GraphQL, spiegano gli sviluppatori della soluzione, Slash GraphQL genera un backend GraphQL scalabile e pronto per la produzione.

Tutto il lavoro di creazione di un layer GraphQL su un database è ridotto così a un singolo passaggio.

Slash GraphQL, sottolinea Dgraph, è più di un semplice database: è un’infrastruttura completa per la creazione di applicazioni con GraphQL.

Secondo Dgraph, il modo in cui gli sviluppatori creano backend GraphQL è attualmente troppo complicato e da qui è nata l’idea della nuova piattaforma: far sì che i backend facilitino lo sviluppo di applicazioni, invece di ostacolarlo.

Dgraph, sostengono gli sviluppatori, è unico nel suo genere: è un database nativo GraphQL e non viene eseguito su un altro database come PostgreSQL o MongoDB. Invece, è stato appositamente progettato un database ottimizzato per l’esecuzione delle operazioni GraphQL, in tal modo ottenendo prestazioni e scalabilità superiori.

Slash GraphQL

Slash GraphQL nasce con l’obiettivo di rendere questa tecnologia accessibile a qualsiasi sviluppatore, frontend o backend.

Non sarà più necessario sapere come configurare un cluster, come eseguire k8s, quante macchine, quanta RAM o spazio su disco siano necessari. O come tradurre qualche altro layer sottostante in GraphQL.

Non ci sono tabelle, né alcuna gestione del database, solo GraphQL, mette in evidenza Dgraph.

Sul sito di Dgraph sono disponibili ulteriori informazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php