SkyRec: comunicare sul punto vendita

I punti vendita sono ideali per ospitare una radio focalizzata sul prodotto, un settore in forte crescita e in espansione verso la TV

L’insieme dei punti vendita di una medesima insegna rappresenta una vera e propria rete e può essere visto e gestito a tutti gli effetti come un media, generando utili interessanti proprio in virtù della sua particolare conformazione: è questo il messaggio lanciato da SkyRec, azienda italiana leader nel settore delle cosiddette “in-store radio“.

La gran parte dei clienti di SkyRec sono network commerciali i cui punti vendita hanno il sottofondo d’un commento audio continuo, con musica, intrattenimento, informazioni generali e verticali e anche pubblicità. Ecco alcuni dei nomi: Bridgestone, Kia, Agos, Microsoft, Nivea, McDonald’s, tutti attivi in luoghi i cui frequentatori sono intenzionati a spendere e quindi particolarmente ricettivi ai famosi “consigli per gli acquisti”.

Non v’è dubbio che i numeri del retail siano importanti: oltre 15 milioni di scontrini a settimana, quindi almeno altrettanti potenziali utenti con altissima propensione all’acquisto, laddove gli altri media devono svolgere un lavoro maggiore.

La promozione d’oggi è fortemente multicanale”, ha spiegato Giorgio Ferrari, presentando l’indagine Nielsen sui dati del canale in-store, “e il punto vendita fa parte dei canali”.
Le prinicipali metriche del canale retail sono comparabili a quelle degli altri media”, ha precisato Alessio Fattore, direttore strategico della divisione StarCom di SkyRec paragonando dati analitici quali Grp, reach e frequenza. “L’integrazione è complessa, ma non molto più di quella degli altri media”.

Ecco perché la rete vendita reclama a pieno titolo il nome di “settimo media”, dopo stampa, cinema, radio, TV, telefono e web. E poiché l’80% delle decisioni di acquisto vengono prese non più con la lista della spesa ma sul luogo di acquisto, ecco che influire sul processo è più semplice se c’è una presenza anche “out-of-home, in-store”, come direbbero gli statunitensi.

SkyRec nasce dall’esperienza nella radio tradizionale di Enzo Palazzolo, presidente SkyRec.
Per l’anno prossimo puntiamo al raddoppio del fatturato, visto che le nostre radio misurano un incremento medio tra il 4 e l’11% contro il 2-4% degli altri media”, ha detto Palazzolo. “La nostra concorrenza è divisa tra una trentina di aziende di dimensioni ridotte”, che difficilmente potranno fronteggiare la nuova proposta: la radio che si vede.

Abbiamo lanciato un’evoluzione della radio, con un approccio unico”, ha detto ancora Palazzolo; “non andiamo verso il digital signage, che presuppone la diffusione tramite PC con relativi problemi di assistenza, bensì verso una struttura più semplice con satellite, ricevitore e schermo, con un impegno di esercizio molto meno stressante”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome