Sistema 3D Touch più evoluto per iPhone 8

iphone 8

KGI Securities, sempre preziosa fonte di indiscrezioni, ha segnalato che il prossimo iPhone 8 dovrebbe avere un nuovo tipo di sistema touch che rappresenterà un deciso passo in avanti per quanto riguarda le funzioni 3D Touch.

Introdotto con iPhone 6s nel 2015, l’attuale sistema 3D Touch prevede l’utilizzo di una matrice di sensori posta sotto tutta la superficie del display di un iPhone. Questi sensori sono in grado di valutare la distanza dalla superficie in cristallo del display, distanza che ovviamente varia quanto teniamo premuto sul display stesso. Effettuando questa misurazione per tutto lo schermo più volte al secondo, il sistema 3D Touch permette effetti come la gestione dei peek e dei pop.

Per iPhone 8, Apple starebbe pensando di sostituire il sistema attuale con uno più sottile e in grado di rilevare più precisamente la pressione delle dita. Questo permetterebbe di avere una costruzione più sottile anche del corpo dell’iPhone e di abilitare gesture più complesse di quelle attuali.

Le difficoltà da superare in questa riprogettazione sono legate più che altro alla necessità di garantire al corpo del display la necessaria rigidità dopo aver adottato sia un display OLED, più sottile e senza sistema di retroilluminazione, sia appunto un sistema 3D Touch anch’esso meno spesso e quindi anche meno rigido.

C’è poi la questione dei costi: KGI Securities stima che il nuovo sistema 3D Touch richieda un processo di costruzione più complesso, con un incremento dei costi del 10-20 percento.

(il concept di iPhone 8 mostrato in alto è di Imran Taylor)

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome