Siemens ha deciso: spin off

La divisione dedicata al Mobile verrà trasformata in una società indipendente, aperta a partnership internazionali, che ne rafforzeranno la capacità competitiva. Acer e Nortel accreditate tra le più interessate alla collaborazione.

Nei giorni scorsi le indiscrezioni si sono moltiplicate. Cede. Non cede.
Accordo. Accordo vicino. Talmente vicino che da domenica sera il nome più
accreditato era Acer, malgrado l'assenza di conferme.
Nella giornata di ieri, invece, nessuna ulteriore indiscrezione, ma una dichiarazione precisa da parte del Ceo Klaus Kleinfield.
La divisione Mobile di Siemens sarà
oggetto di una operazione di spin off
che la trasformerà in una società indipendente.
Una mossa che evidentemente apre la strada alla ricerca di nuove e consistenti partnership, che dovrebbero rafforzare la posizione della divisione in un mercato altamente competitivo.
Lo spin off, che potrebbe essere completato nell'arco di tre mesi, interesserà non solo l'area della telefonia mobile, ma anche altre aree di business.
Si parla infatti di outsourcing per i cordless Dect, per i set-top box e per altre appliance consumer.
Stando a quanto dichiarato da Kleinfeld, la divisione manterrà il nome Siemens e lo spin off non comporterà tagli di organico, condizione questa precedentemente garantita alle organizzazioni sindacali tedesche.
Per altro, in attesa di trovare il partner giusto, per il quale Kleinfeld esclude qualsiasi forma di compensazione economica, Siemens dovrebbe continuare a introdurre nuovi prodotti sul mercato, seguendo gli sviluppi tecnologici del comparto.
Massimo riserbo, invece, per quanto riguarda il nome del possibile “fidanzato”.
Il nome di Acer era circolato piuttosto insistentemente nei giorni scorsi, anche in seguito a una notizia risportata dal quotidiano tedesco Süddeutsche Zeitung, secondo il quale proprio da Taiwan sarebbe arrivato il più forte interessamento.
Le trattative sarebbero per altro in una fase piuttosto avanzata, anche se Siemens sarebbe ancora lontana da un orientamento definitivo e starebbe ancora prendendo in considerazione altri possibili partner, tra i quali la canadese Nortel Networks, candidato questo accreditato dal quotidiano Der Spiegel.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome