Home Prodotti Sicurezza La sicurezza vista dal Ciso: troppe segnalazioni, serve automazione

La sicurezza vista dal Ciso: troppe segnalazioni, serve automazione

Gli autori di attacchi informatici stanno sviluppando e adattando le loro tecniche a un ritmo sempre più veloce, che ormai supera ampiamente quello dei responsabili della sicurezza. Usano exploit, tecniche di evasione e metodologie di attacco sempre più evolute, e testano sul campo le proprie competenze in modo da lanciare attacchi di portata sempre maggiore. La domanda da farsi non è più se un’azienda sarà colpita, ma se i responsabili della sicurezza saranno preparati quando i criminali informatici sferreranno i loro attacchi e quanto velocemente riusciranno a effettuare il ripristino. Ciò dipenderà dalle azioni che i responsabili avranno adottato per rafforzare le misure di sicurezza messe in campo.

È con l’obiettivo di valutare lo stato della sicurezza nelle aziende che Cisco ha interpellato 3.600 professionisti della sicurezza, fra CISO (Chief Information Security Officer) e manager delle operazioni di sicurezza (SecOps), di aziende di varie dimensioni in 26 paesi inclusa l’Italia.

Ne è scaturita una mappa delle risorse e delle procedure di sicurezza di cui le aziende dispongono e che Cisco ha raccolto nel Cisco Security Capabilities Benchmark Study, integrando una serie di consigli e contromisure atti a rafforzare le strategie di sicurezza delle aziende.

Il dato principale emerso dalla ricerca di Cisco, quindi, è che gli addetti alla sicurezza hanno molto lavoro da fare e molte sfide da superare.

Sfide, cyber attacchi e nuove tecnologie per proteggersi

In Italia, il 92% delle aziende intervistate ha ammesso di aver subito un attacco informatico lo scorso anno.

Il numero reale potrebbe essere anche più alto, dal momento che non tutte le aziende rilevano gli attacchi o ammettono di aver subito violazioni, cosa non più possibile peraltro dopo l’entrata in vigore del GDPR.

Gli hacker stanno diventando molto più bravi a mascherare i loro attacchi, in modo che possano rimanere nascosti per un periodo di tempo più lungo ed estrarre più dati.

Per il 24% delle organizzazioni italiane la mancanza di personale specializzato e addetto a questo settore è uno dei maggiori ostacoli alla sicurezza.

Nonostante il fatto che gli investimenti siano aumentati anche nel nostro paese, la sicurezza informatica non è ancora un tema prioritario per i CxO, o per la direzione, nella maggior parte delle aziende.

Italia, record di approccio integrato alla sicurezza

Il 12% delle aziende in Italia gestisce più di 21 fornitori. Ed è una notizia: si tratta della percentuale più bassa in Europa. Le aziende italiane, infatti, preferiscono gestire meno fornitori, ridurre i loro costi operativi e massimizzare le loro limitate risorse di sicurezza. Per noi italiani un approccio integrato è spesso meno complesso da gestire.

In Italia solamente il 58% delle segnalazioni di sicurezza viene investigato. Tenendo presente che tra queste, il 22% è legittimo, solamente il 50% degli avvisi legittimi viene risolto.

Praticamente per i Ciso italiani è quasi impossibile distinguere tra ciò che è urgente, ciò che è importante e il rumore di fondo.

L’automazione può aiutare a gestire il numero elevato di avvisi di sicurezza e garantire che solo gli avvisi legittimi, che richiedono l’escalation, vengano inoltrati a al responsabile preposto.

Quanto costano gli attacchi

Il 62% degli attacchi in Italia ha provocato danni superiori a 80.000 euro.

Nella cifra sono inclusi i costi di riparazione dei sistemi e altre perdite finanziarie, come la perdita di entrate e di clienti.

Il 17% delle violazioni italiane ha comportato il coinvolgimento di oltre la metà dei sistemi di un’azienda.

Nel nostro paese molte aziende stanno ancora battendosi per integrare i sistemi legacy nella loro infrastruttura e per proteggerli in modo appropriato.

Da un lato, queste reti frammentate possono essere più facili da violare per le lacune di sicurezza che potrebbero avere e che gli hacker sono in grado di sfruttare; d’altra parte, la loro mancanza di integrazione può limitare il diffondersi di tali minacce, il che potrebbe spiegare perché l’Italia presenta una delle percentuali più basse in tutta Europa.

Un’azienda su due in Italia ha dovuto gestire un’interruzione di oltre 5 ore nell’ultimo anno a causa di una violazione.

Le aziende italiane stanno scoprendo nuove tecnologie che possono aiutare a ridurre lo sforzo necessario per proteggere le loro infrastrutture e stanno iniziando a sfruttarle per ridurre i costi e aumentare l’efficienza dei loro dipartimenti IT: l’82% fa affidamento sull’automazione, il 76% sul machine learning, il 70% sull’intelligenza artificiale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php