Si rafforza l’offerta San di Dell

I chiari di luna del mercato pc stanno convincendo anche Dell a diversificare la propria offerta, in particolare in direzione dello storage, laddove l’azienda già da qualche tempo ha concentrato parte dei propri investimenti. In questa logica si …

I chiari di luna del mercato pc stanno convincendo anche Dell a
diversificare la propria offerta, in particolare in direzione dello
storage, laddove l'azienda già da qualche tempo ha concentrato parte
dei propri investimenti. In questa logica si colloca l'annuncio del
PowerVault 660F, una soluzione San in tecnologia Fibre Channel basata
su Windows Nt, che fa leva, oltre che sul prezzo, anche sul fatto di
essere realizzata "in casa". Il predecessore, infatti, ovvero il
modello 650, non era altro che una versione rimarchiata del Clariion
di Emc (in precedenza Data General). Proprio questa novità dovrebbe
servire a Dell per meglio contrastare la concorrenza delle varie
Compaq, Ibm e della stessa Emc, già a partire dal prezzo di base,
indicato a 45mila dollari. Per tale motivo, i target di riferimento
sono collocati nello small e medium business, negli ambienti di
workgroup e in quelli dipartimentali e distribuiti.
Il PowerVault 660F può alloggiare fino a 14 hard disk Fibre Channel e
offre una capacità massima di 7 Tb in un unico rack standard 42U. Si
tratta di un modello Raid scalabile fino al livello 10, focalizzata
sul mercato delle piattaforme Nt.
Al sistema hardware, Dell aggiunge un nuovo software di San
management, che comprende un Open Array Manager, il quale integra
configurazione Raid e gestione dei volumi in un'unica applicazione,
nonché il software di backup PowerSuites e il supporto del clustering
Windows.
Ulteriori novità sul fronte storage sono attese da Dell nel campo
della tecnologia Nas, con un prodotto enterprise che sarà disponibile
in Italia a marzo, così come ancora nelle San.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here